Passa ai contenuti principali

EMERGENZA SIRIA

  E' stato messo in atto dall'esercito turco un attacco perpetrato contro civili, appartenenti ad un popolo già duramente provato da una guerra senza fine, attacco che è già costato molte vite umane e devastazioni del territorio. Tale attacco oltre a determinare vittime tra le persone più fragili si è caratterizzato per la distruzione premeditata e selettiva di alcune già precarie strutture sanitarie esistenti ed in particolare i “Punti mobili di prima stabilizzazione del trauma” (il nostro 118) gestito da una ONG italiana “Un ponte per…”, annientando le strutture, le ambulanze e colpendo gli operatori sanitari. Ciò è talmente grave, inaccettabile e inaudito che l'OMCeO di Lecce ritiene che a nessuno sia consentito tacere o limitarsi a scontate prese di posizione utili più a rassicurare le proprie coscienze turbate. Se qualcuno argomenta che di fronte a tanti problemi vicini sia superfluo, vacuo o retorico affrontarne altri remoti, dovrebbe riflettere sul fatto che:


·         Ciò rappresenta una gravissima violazione del Diritto umanitario e delle Convenzioni internazionali (come quella di Ginevra) e quindi una sconfitta per tutti, senza distinzione
·         L’art 3 del codice deontologico impone al Medico come dovere ineludibile “la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell’Uomo e il sollievo della sofferenza nel rispetto della libertà e della dignità della persona umana, senza distinzioni di età, di sesso. di etnia, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia, in tempo di pace e in tempo di guerra, quali che siano le condizioni istituzionali o sociali nelle quali opera”.
·         Gli effetti devastanti sulla sicurezza, sui flussi migratori, sul benessere, sulla qualità e sulla stessa vita potrebbero ripercuotersi anche nel nostro territorio, come gli effetti positivi che la resistenza curda ha determinato, contribuendo ad una maggiore sicurezza nel mondo.
·         Vi è da ricordare inoltre che geograficamente (ma in questo momento non solo) le località colpite in Siria sono più vicina a Lecce di quanto non lo sia Strasburgo: è' evidente che se siamo sotto lo stesso cielo non siamo mai troppo distanti per non sentire il dolore e la sofferenza di altri uomini, donne e bambini.

L'OMCeO di Lecce pertanto invita a sostenere anche economicamente l'azione dell'ONG italiana “Un ponte per…”, impegnata da molti anni su questo terreno e oggi pronta ad una sfida di ricostruzione delle strutture sanitarie di primo soccorso distrutte in quei territori.
Utilizzeremo tutti i mezzi per testimoniare la vicinanza ad un popolo che, nel rischio di un genocidio, lotta per la vita, affermando i diritti di tutti.
Invita le istituzioni a fare tutte le necessarie pressioni affinché possano avere fine tutte le azioni di guerra ed in particolare imporre che i presidi sanitari siano esclusi dagli obiettivi militari; invita con forza ad adoperarsi concretamente perché una fragile tregua si trasformi subito in una pace equa: la vita e il bene essere di ogni uomo, ad ogni latitudine, sono valori fondamentali e inviolabili, significato profondo della professione di servizio del Medico.


Donato DE GIORGI 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Novembre 2019

Galatina,prove tecniche per Galatina in fiore 2019

Ebbene si Galatina si prepara alla manifestazione tanto attesa dai cittadini, chiamata Galatina in fiore 2019,le prove tecniche si vedono in citta'.