Passa ai contenuti principali

Alì Ehsani ospite a Caprarica di Lecce

Continuano gli incontri d’autore nella Biblioteca di comunità dell’attivissimo comune di Caprarica nella rassegna curata dalla Cooperativa Il Dado Gira in qualità di gestori della Libreria per Ragazzi di Calimera, supportati dalla Amministrazione
Comunale.

Stavolta è il turno di Alì Ehsani che presenterà il libro "I ragazzi hanno grandi sogni" edito da la Feltrinelli.
Al secondo anno di Giurisprudenza all’università La Sapienza di Roma, la sua storia inizia lontano, in Afghanistan, in un villaggio vicino a Kabul raso al suolo dai bombardamenti. «Ero a scuola, mi salvai ma rimasi orfano. Il mio unico punto di riferimento era mio fratello Mohammad, che aveva nove anni più di me. Mi disse: “Non ti preoccupare, siamo liberi come uccelli”». E qui inizia la seconda vita di Ali, quella in cammino.
L’autore racconta la sua storia un monologo indirizzato al fratello, per infondere speranza in un libro dove la forza di volontà combatte la paura, dove la sopravvivenza morale lotta contro quella fisica, la riconoscenza, l'amicizia, il lavoro lo studio, l'affetto, la condivisione e la conoscenza hanno un ruolo chiave.

Dal suo libro anche un cortometraggio che ha ricevuto un riconoscimento al Giffoni Film Festival.


I ragazzi hanno grandi sogni  


Fuggendo dall’Afghanistan, Alì e suo fratello avevano un sogno: arrivare in Italia. Ma quando finalmente il tredicenne Alì lo corona, scopre che le sfide non sono affatto finite.  “Vivo in un centro d’accoglienza, non ho soldi, né documenti, né una famiglia. Non esisto.” È con tale durissima realtà che deve fare i conti. Ma Alì non si arrende, non perde mai l’ottimismo né la speranza, e ce la fa. Questa è la sua storia.    Alì è un ragazzino di tredici anni quando vede Roma per la prima volta. La sua epopea è durata cinque anni. Insieme al suo paese, l’Afghanistan, ha dovuto dire addio ai genitori, finiti sotto le bombe di una guerra civile senza vincitori né vinti, e al fratello, annegato nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere clandestinamente la Grecia dalla Turchia e aprirgli la strada. Apparentemente adesso Alì ce l’ha fatta: è finalmente in Europa, il suo grande sogno. Ma, capirà, non c’è tempo per riposarsi, nessun momento di tregua: adesso bisogna integrarsi e sconfiggere i pregiudizi. Dove trovare le forze? A quali risorse attingere?  Gli addii si susseguono: alcuni ragazzi arrivati dalla Grecia con Alì prendono la strada della criminalità o proseguono verso altre destinazioni come Germania, Svezia e Inghilterra, giudicate da “radio migranti” mete preferibili all’Italia.  Alì è di nuovo solo, ma sa che non deve perdere l’occasione che la vita (e suo fratello, con il suo sacrificio) gli hanno in qualche modo regalato. Perciò studia, riga dritto, scioglie interrogativi durissimi: perché prendere buoni voti se non si ha una madre a cui dirlo? Perché fare tanti sforzi se si ha sempre la sensazione di dover ripartire dal fondo della fila?  Pur nelle sue drammatiche premesse, la storia di Alì ci parla anche di noi, del nostro mondo riflesso negli occhi di chi arriva in Italia in cerca di un futuro. E si fa storia universale, quella di un ragazzino, poi ragazzo, poi uomo, che cerca quello a cui tutti aspiriamo: l’amicizia, l’amore, l’accettazione. 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 13 Novembre 2019

Galatina,prove tecniche per Galatina in fiore 2019

Ebbene si Galatina si prepara alla manifestazione tanto attesa dai cittadini, chiamata Galatina in fiore 2019,le prove tecniche si vedono in citta'.