Passa ai contenuti principali

La sanità non scade

La notizia di aver trovato farmaci e devices scaduti in alcuni reparti del V. Fazzi di Lecce, riportata con grande enfasi e rilevanza da alcuni media locali, ci pone il dovere istituzionale di affrontare la questione con decisione, proponendo nel contempo alcune riflessioni. Tale dovere deriva dal fatto che l’Ordine è Ente sussidiario dello Stato nel garantire qualità e sicurezza nelle cure.
  1. La filiera che si trova a monte dell’utilizzo del farmaco (o devices) è lunga e complessa: dall’industria produttrice al paziente. Per ogni step sono previsti controlli e responsabilità specifiche e puntuali:
    naturalmente questo non vuol dire una sorta di “diluizione” delle responsabilità, ma una moltiplicazione di esse.
  2. E’ evidente che se qualcuno ha sbagliato (per omissione, superficialità, ecc) dovrà rispondere nelle sedi opportune e siamo convinti che l’ASL saprà essere, come sempre, intransigente e corretta, anche nel fornirci eventuali elementi sanzionatori che dovessero risultare a carico di nostri iscritti.
  3. La presenza di materiale scaduto non è naturalmente equivalente al suo utilizzo, specialmente quando questo è riposto in zone lontane dallo svolgersi delle abituali procedure, ma vi è naturalmente un maggior rischio (sebbene molto remoto) che questo possa realmente avvenire o sia avvenuto. Evitando processi e sentenze sommarie, saranno solo le ulteriori indagini a stabilire tale evenienza con certezza, tramite il sistema della tracciabilità (un ulteriore sistema per la sicurezza del cittadino, che consiste nella documentazione in cartella, tramite un talloncino che accompagna il prodotto “monouso” o certifica la sterilità del dispositivo “poliuso”).
  4. Vi è poi un argomento particolarmente interessante, specialmente in un periodo di risorse sempre più limitate e contingentate: quello economico, legato allo spreco di prodotti (spesso costosi) che scadono, senza essere utilizzati. Il problema non è di semplice soluzione, né limitato alla sanità. Da una parte la stampa giustamente faceva notare, alcuni giorni fa, che un reparto di Pediatria di un Ospedale salentino era rimasto sprovvisto di antibiotici il sabato sera (farmaci “nominativi” e a scadenza breve), dall’altra la stessa stampa sottolineava come insopportabile lo sciupio di prodotti che scadevano prima dell’utilizzo. La criticità del problema è rappresentata dal fatto - dimostrato dalla scienza gestionale delle risorse - che questo evento, se in misura limitata, sia inevitabile. Siccome risulta che in effetti la quantità dei prodotti in scadenza o scaduti sia assolutamente irrisoria, ciò deve essere ascritto ad una intelligente gestione di Farmacisti, Amministratori, Coordinatori, Medici, ecc. D’altra parte la rilevanza del problema travalica il contesto sanitario, dove da tempo siamo abituati ed attenti all’utilizzo efficiente delle risorse, per investire un aspetto non trascurabile culturale, sociale ed economico: la pericolosità e negatività della “cultura dello scarto” potrebbe essere solo rappresentata in maniera paradigmatica da quanto cibo buttiamo, mentre siamo infastiditi da chi letteralmente muore di fame.
  5. E’evidente che le indagini promosse a tappeto dalla ASL su tutte le strutture sanitarie salentine possono apparire simile al famoso allevatore che riparò il recinto dopo la fuga dei buoi, ma se guardiamo da altro punto di vista possiamo “leggere” questo come la capacità di imparare dagli errori, intesi come la più grande opportunità che l’uomo ha per migliorarsi: è per tale motivo che il Medico ogni giorno deve andare “a scuola” del rischio clinico.
  6. Il rischio zero non esiste in nessuna attività umana. Anche se ci dimostrano con dati alla mano che l’aereo è il mezzo di locomozione più sicuro, non si può evitare, sia pure per un attimo, di pensare al volo come ad una incerta avventura. La Medicina (e soprattutto la chirurgia) ha imparato molto dalle scienze legate alla sicurezza cibernetica (basti pensare alle check list operatorie) per ridurre al minimo possibile il rischio, istituendo molti e accurati controlli.
  7. E’ingeneroso narrare la sanità salentina unicamente come una trappola insicura per i cittadini, perché questo ingenera (al di là delle necessità commerciali della stampa) sfiducia e delegittimazione, sino alla conflittualità. Insicurezza, scarsa autostima e serenità che si espande e coinvolge anche i Medici, che si sentono “circondati in un attacco concentrico” facendo scadere la qualità dell’atto medico stesso.

Sappiamo bene che una foresta che faticosamente cresce non fa rumore, né notizia, ma siamo sicuri che il silenzio dei “piccoli” eroismi di tantissimi operatori sanitari, i successi quotidiani nascosti con dignità, i miracoli realizzati con discrezione nel disagio, l’umiltà di imparare dagli errori sono la qualità vera che diamo alla nostra nobile professione, offerta come servizio al cittadino, è il valore stesso che attribuiamo alla salute e alla vita




Donato DE GIORGI 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 25 Marzo 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina un cittadino si domanda le centraline per il controllo dell'aria che fine hanno fatto?

Salve, sono un semplice cittadino di Galatina Lecce. Prima dell'insediamento dell'Amministrazione Amante,si parla in campagna elettoriale di dislocare centraline dell'aria. Dove stanno? Scusate io,non le vedo.