Passa ai contenuti principali

Gifted

“Gifted Education e Inclusione: miti, mode e misconcezioni” è il tema del terzo convegno nazionale sulla Gifted Education organizzato dal Centro sulle Nuove Tecnologie per l’Inclusione e la Disabilità (CNTHI), diretto
dalla professoressa Stefania Pinnelli, in programma all’Università del Salento - Dipartimento di Storia, Società Studi sull’Uomo il prossimo 7 febbraio 2019. L’appuntamento è nell’aula 7 A1 dell’edificio 6 del complesso Studium2000 (via di Valesio, Lecce) a partire dalle ore 8.30; l’evento è rivolto a ricercatori e docenti, ma anche a studenti e famiglie che intendono approfondire il tema della “presa in carico” degli alunni ad alto potenziale. Il convegno, infatti, intende presentare ricerche teoriche e applicative sui temi della plusdotazione e della Gifted Education in prospettiva inclusiva condotte in contesto nazionale e internazionale, con lo scopo di riflettere sul contributo didattico-pedagogico alla tematica, analizzandone lo stato dell’arte e le prospettive di sviluppo. Oltre a relatori nazionali e interazionali che da anni conducono ricerche sul tema, saranno presenti due ragazzi con plusdotazione: Marco Ripà, sviluppatore di test e analista matematico, e Giuseppe Bungaro, un giovanissimo talento tarantino che a 14 anni ha brevettato uno stent cardiovascolare. «La letteratura internazionale», spiega la professoressa Pinnelli, «è concorde nell’intendere la plusdotazione come il risultato dell’incontro tra caratteristiche innate e chance di vita (Mönks, 1985; Gagné, 1995), un connubio tra alta capacità e motivazione che riflette il potenziale umano in tutte le sue sfaccettature, includendo il concetto di intelligenza ma andando anche al di là di esso (Renzulli, 1997; 2004; Van Tassel-Bask La predisposizione innata della persona gifted - grazie al supporto di genitori, insegnanti ed educatori - può trasformarsi in talento messo a disposizione della società, diventando così un bene comune (Sternberg, Jarvin, Grigorenko, 2011). La ricerca di settore individua nella scuola, nella famiglia e nel gruppo dei pari i tre elementi che intervengono nello sviluppo del potenziale individuale in talento (Mönks, 1985) e che possono fare la differenza, affinché la plusdotazione non diventi terreno per nuove situazioni di marginalità (Pinnelli & Sorrentino, 2017). L’asincronia nello sviluppo, come attesta la ricerca (Silverman, 1997), può generare situazioni di fragilità, impattando sul benessere della persona e sul rendimento scolastico (Reis & McCoach, 2000). In aggiunta, la scuola potrebbe confrontarsi anche con situazioni di doppia eccezionalità. Il convegno intende essere un’occasione di dibattito pedagogico sul rapporto tra plusdotazione e inclusione», conclude Pinnelli, «e sulle linee di sviluppo del sistema formativo scolastico». Del comitato scientifico del convegno fanno parte, oltre alla professoressa Pinnelli, i docenti UniSalento Luigino Binanti e Salvatore Colazzo, Fabio Bocci dell’Università di Roma Tre, Roberta Caldin dell’Università di Bologna, Dario Ianes dell’Università di Bolzano, Lianne Hoogeveen dell’Università di Nimega, Hava Ester Vidergor del Gordon Academic College – Haifa - Israel.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Agosto 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina,prove tecniche per Galatina in fiore 2019

Ebbene si Galatina si prepara alla manifestazione tanto attesa dai cittadini, chiamata Galatina in fiore 2019,le prove tecniche si vedono in citta'.