Passa ai contenuti principali

L’Università del Salento sempre più proiettata verso la Cina

L’Università del Salento sempre più proiettata verso la Cina. Questa mattina, 6 luglio, una delegazione dell’Università cinese Huaiyin Institute of Technology, guidata dal vicepresidente Prof. Zhang Youdong e composta da un gruppo di docenti, ha incontrato una rappresentanza di professori di Unisalento.

Fondato nel 1958, Huaiyin Institute of Technology è un’università situata nella grande città di Huaian (circa 5 milioni di abitanti) nella provincia di Jiangsu, una delle aree di maggior sviluppo della Cina, e vanta una popolazione di circa 20000 studenti. L’Huaiyin Institute of Technology prepara in diverse aree di studio, prevalentemente ingegneristiche, ma anche del settore umanistico, economico e delle scienze sociali.
Ad accogliere i colleghi cinesi, presso la sede dell’Università del Monastero degli Olivetani a Lecce, il prof. Fabio Pollice Direttore del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo, la prof.ssa Mariaenrica Frigione, Prorettrice per l’area tecnico-scientifica e Delegata del Rettore per l’internazionalizzazione e il prof. Maurizio Paolillo, associato di Lingua cinese che ha conversato con gli ospiti nella loro lingua madre.
L'incontro, nato da una collaborazione con il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull'Uomo, ha avuto come momento centrale la sottoscrizione di una lettera di intenti (memorandum of understanding), finalizzata a stringere rapporti collaborativi tra le due Università con l’impegno comune nella realizzazione di iniziative didattiche e di ricerca di ampio respiro.
L’accordo, di cui responsabile scientifica è la stessa prof.ssa Frigione, intende promuovere la cooperazione tra le due accademie in ambito didattico e scientifico, attuando forme di collaborazione in progetti congiunti; mobilità di docenti, studenti e dottorandi; gli scambi culturali; implementazione di programmi di formazione anche di breve durata organizzati presso i due Atenei. Si inserisce nelle iniziative d’internazionalizzazione dell’Università del Salento orientate, già da qualche tempo non solo all'Erasmus ed all'Europa, ma anche ai Paesi Extraeuropei, e in particolare, alla Cina.
Dopo la presentazione di entrambe le Università, la firma dell’accordo e uno scambio di doni, il VicePresidente del Huaiyin Institute of Technology ha invitato la Prorettrice Frigione ed il Direttore Pollice in Cina per festeggiare i 60 anni dell’Ateneo il prossimo ottobre.
La delegazione asiatica si è recata, quindi, al campus extraurbano di Ecotekne dove ha potuto approfondire la conoscenza delle strutture dell’Ateneo salentino e visitare alcuni laboratori del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione.

“Questo nuovo accordo con una prestigiosa istituzione cinese contribuirà ad accrescere il livello di internazionalizzazione della nostra Università, pienamente in linea con le politiche che stiamo portando avanti con successo – ha commentato la prof.ssa Mariaenrica Frigione. – Durante questo incontro, infatti, si è già affrontata la concreta possibilità di avviare una serie di iniziative che potranno essere sviluppate in tempi brevi a favore di studenti e dottorandi di ricerca di entrambi gli Atenei”. 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata