Passa ai contenuti principali

«Giovani stilisti in passerella»

«Giovani stilisti in passerella» nella bellissima cornice dell’ex Monastero degli Olivetani a Lecce. Appuntamento sabato 14 luglio 2018 alle ore 20,30 con la ventiduesima edizione dell’evento, che oltre all’artistico defilè di Giovani Fashion Designer che con le loro creazioni raccontano un anno di creatività, studio, tecnica e lavoro, assegnerà il Premio «Rever d’oro - Cosimo Cordella» alla costumista Crisi Karvonides, docente presso la UCLA University of California, special guest di Hollywood.

L’arte e la cultura salentina dell’ex Monastero degli Olivetani di Lecce ospiterà la ventiduesima edizione del Premio “Rever d’oro Cosimo Cordella” e per la sfilata di fine anno “Giovani stilisti in passerella”, a cura dell’International Fashion School Cordella di Lecce e del Centro Studi Moda “Cosimo Cordella”.
La manifestazione è stata presentata questa mattina a Palazzo Adorno nel corso di una conferenza stampa con i giornalisti, a cui hanno partecipato Carol Cordella, la consigliera di Parità della Provincia di Lecce Filomena D’Antini e Gianni De Blasi, regista e uno dei responsabili di Passo Uno Produzioni.
La scuola, diretta da Carol e Manuel Cordella, figli d’arte del maestro Pino Cordella, ripropone con orgoglio e la giusta dose di umiltà l’evento che continua a crescere di anno in anno e che è caratterizzato da passione, creatività e arte sartoriale rigorosamente «made in Italy».
In passerella, sotto un cielo incorniciato di stelle e di arte in una location magica, sfileranno gli abiti dei giovani stilisti, completamente realizzati a mano, con diversi materiali, centinaia di metri di stoffa e tulle, e pietre e accessori. La collezione “L’amor che move il sole e l’altre stelle”, divisa in tre sotto collezioni “L’Inferno”, “Limbo” e il “Paradiso” è ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri. “L’inferno” fa riferimento alle tre fiere Leone, Lupa e la Lonza, poi c’è Caronte, Cerbero e le Arpie. Per quanto concerne invece la collezione “Limbo” il concetto cardine degli abiti sarà legato al concetto di esser sospesi e a quello che è il nuovo orientamento Gender. Il “Paradiso” infine con le figure di Apollo, la Dea Bendata, Venere e Beatrice.
“E’ giunto anche quest’anno il momento della sfilata di fine anno – afferma la direttrice Carol Cordella – tante le emozioni che si alternano nei cuori e nella mente di tutti noi. Ringrazio i miei allievi, chi collabora incessantemente con noi per la buona riuscita di eventi, manifestazioni, incontri di approfondimento. Ringraziamo anche la premiata di quest’anno Crisi Karvonides, un prestigioso legame di professionalità ed umanità che lega Hollywood a Lecce, siamo onorati di averla con noi”.
La Consigliera di Parità della Provincia di Lecce, Filomena D’Antini ha aggiunto: “è per la nostra città un onore avere sul nostro territorio realtà come quelle della scuola Cordella, che porta alto il nome del Salento e dell’alta moda nel mondo. La passione e l’impegno che la famiglia Cordella tramanda ai tanti giovani designer provenienti da ogni parte d’Italia è per tutti noi motivo di grande orgoglio”.
Alla conferenza stampa era presente anche il regista di Passo Uno Produzioni Gianni De Blasi: “Siamo felici, è la prima volta che riceviamo un premio e sapere che a consegnarlo sarà una delle realtà della moda più antiche e con cui collabori è una emozione immensa”.
L'Istituto Cordella porterà in scena sabato 14 luglio anche il progetto moda di simulazione aziendale del Master in Fashion Direction. Dalla fase di ricerca tendenze, allo sviluppo prototipo fino alla realizzazione della sua immagine, nasce il nuovo brand E506Kutur. Gli allievi e i docenti hanno scelto la città d'arte Parigi per scattare il catalogo delle loro creazioni che potranno essere ammirate in occasione della manifestazione in programma sabato.
Nel corso della serata poi sarà consegnato il premio «Rever d’oro - Cosimo Cordella», un riconoscimento che viene assegnato alle personalità che si sono distinte nel mondo della cultura, della moda, del cinema e dell’arte.
Quest’anno il premio sarà consegnato alla costumista Crisi Karvonides, docente presso la UCLA University of California, che proprio in questi giorni sarà impegnata con un incontro formativo con i giovani designers dell’Istituto Cordella. Un viaggio tra i suoi costumi, da American Horror Story a Panam fino alle emozioni del teatro. “Questa è la nostra seconda collaborazione di training in costume tra l'Università della California di Los Angeles e gli studenti della scuola Cordella – commenta entusiasta Crisi Karvonides - il workshop di quest'anno si concentrerà sullo sviluppo dei personaggi di vari progetti televisivi che ho curato come costumista, tra cui l'americano Horror Story Fox TV, Big Love HBO, Carnaval HBO e Blunt Talk della rete STARZ. Attualmente sto progettando un paio di opere di un atto per Opera Philadelphia e Macbeth per Ashland Shakespeare Company of Oregon”.
Un Premio come Eccellenza del territorio sarà consegnato anche a Passo Uno Produzioni, progetto tra professionisti del cinema e del settore dell’audiovisivo d’impresa e pubblicità (solo per ricordare alcune delle tante produzioni che portano la loro firma, Negroamaro, Nina Zilli, Chiara e Alessio Bernabei) e con cui la scuola Cordella ha intrapreso da tempo un rapporto di collaborazione.

Il “Rever d’oro Cosimo Cordella” e “Giovani Stilisti in passerella” vede il patrocinio di Provincia di Lecce, Confindustria, Ambasciata della Repubblica di Lituania nella Repubblica Italiana, Repubblica di Lituania Consolato Onorario di Puglia e BasilicataTaranto e Associazione Nazionale dei Sartori

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata