Passa ai contenuti principali

Galatina Marco Travaglio presenta il suo libro Domenica 8 luglio 2018 in piazza Orsini ore 21:30


Torino 13 ottobre 1964. Giornalista. Direttore del Fatto Quotidiano (dal 4 febbraio 2015), giornale che ha contribuito a fondare nel 2009 e del quale è in piccola parte azionista. Ha scritto sul Giornale, La Voce, la Repubblica, l’Espresso, Micromega, l’Unità ecc. Dal 2006 è stato il collaboratore fisso di tutti i programmi di Michele Santoro (AnnozeroServizio pubblicoAnnouno). Tre spettacoli
teatrali: Promemoria (2009-2010), Anestesia totale (2011), con Isabella Ferrari, e È Stato la Mafia (2013, titolo anche del suo ultimo libro, pubblicato da Chiarelettere nel 2014). «Se chi mi attacca mi elogiasse mi preoccuperei».
• Una certa difficoltà nel prender sonno, «sfoglia carte, recupera sentenze, rilegge verbali, e soprattutto scrive, anche fino alle quattro di mattina» (Jacopo Iacoboni), pubblica a raffica libri di grande successo, tra gli ultimi, tutti editi da Chiarelettere: Mani sporche, con Peter Gomez e Gianni Barbacetto, Se li conosci li eviti (con Gomez), Il Bavaglio (con Gomez e Marco Lillo, scritto in soli quindici giorni), L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi (con Pino Corrias e Renato Pezzini). Da ultimo Slurp. Dizionario delle lingue italiane (Chiarelettere).
• «Marco dettaglio» (Giuliano Ferrara).
• «Si è ritagliato il ruolo di Grande Vendicatore, convinto com’è che la nostra vita si corrompa all’ombra del Regime. Ha preso di mira i potenti della Repubblica, si è coperto di querele, è diventato il nemico pubblico numero 1 del Tiranno e l’ultimo erede del Giustizialismo. Con lui, però, bisogna sempre misurare le parole perché è tignoso, ribatte colpo su colpo, non gira attorno alle cose, è sempre ben documentato. Un eroe per i “duri e puri”, un rompiballe per tutti gli altri. La sua ossessione è che questa sinistra faccia troppo poco per liberarsi dal giogo mediatico di Berlusconi» (Aldo Grasso).
• «Il secondino Travaglio» (Filippo Facci).
• «Molti lo considerano un tremendo forcaiolo, un acritico giustizialista, un demonizzatore degli avversari politici che vorrebbe vedere tutti in galera. Per altri è un idolo, un coraggioso Robin Hood che combatte i ricchi e i potenti in difesa della legalità e contro la corruzione. Da quando parlò, nella trasmissione di Daniele Luttazzi, dei sospetti di rapporti mafiosi che si addensavano sul capo del leader di Forza Italia, è costantemente al centro di feroci polemiche. Ma i suoi libri vanno ugualmente in testa alle classifiche da quando lui, per presentarli, ha praticamente lasciato casa intraprendendo un giro d’Italia che non finisce mai» (Claudio Sabelli Fioretti).
• «Lo squadrista Travaglio» (Adriano Sofri).
• «Il miglior giornalista italiano» (Vittorio Feltri).
• Citandolo davanti al Tribunale civile di Torino, nel 2008 Renato Schifani, presidente del Senato, ha quantificato in un milione e 300 mila euro il “danno” procuratogli da Travaglio con un articolo sull’Unità e un intervento nella trasmissione Che tempo che fa in cui l’aveva accusato di aver avuto in passato contatti con persone poi condannate per mafia. Dalla questione è scaturita anche una dura polemica con il giornalista di Repubblica Giuseppe D’Avanzo, che ne ha criticato i metodi.
• Cattolico praticante: «Ho avuto un’educazione cattolica. Famiglia religiosa, non bigotta. (…) Prime litigate con mio padre, elettore democristiano, sul mio concetto della separazione tra Stato e Chiesa, troppo laico per i suoi gusti. Sulla politica filoaraba della Dc, troppo filoaraba per i miei gusti (…). Ho sempre detestato il cattocomunismo, il terzomondismo, il giustificazionismo cattolico, anzi democristiano che ha rammollito le difese immunitarie e legalitarie dello Stato» (Marco Travaglio) [Mic 3/2010].
• Liceo dai salesiani, al Valsalice di Torino, al motto di “Prima buoni cittadini. Poi buoni cristiani”. «A qualcuno sembrerà strano, ma sono stati i salesiani a insegnarmi che si può essere cattolici e laici allo stesso tempo».
• Poi facoltà di Lettere a indirizzo storico: «Mi sono appassionato fin da piccolo alla storia, soprattutto a quella risorgimentale. Il mio idolo era Camillo Benso di Cavour, lo statista che in una lettera a Urbano Rattazzi confessava il proprio imbarazzo per aver ricevuto in regalo una trota pescata in acque demaniali, dunque di proprietà pubblica. E quando il banchiere Rothschild gli prospettò una speculazione finanziaria su certi titoli ferroviari, Cavour lo diffidò bruscamente dal proporgli mai più affari che configurassero un simile conflitto d’interessi» [Mic, cit.].
• «Ho cominciato a fare il giornalista in un piccolo giornale torinese cattolico, Il nostro tempo. Lì ho conosciuto Giovanni Arpino che mi presentò a Indro Montanelli. Ho fatto l’abusivo al Giornale come vicecorrispondente da Torino dall’87 al 1992».
• «Sono sempre stato un liberale conservatore. Quando c’erano elezioni cruciali seguivo il consiglio di Montanelli: mi tappavo il naso e votavo Dc. Altrimenti Pli o Pri. Sempre anticomunista, finché c’erano i comunisti».
• Alle Politiche 2008 e alle Europee 2009 ha dichiarato di aver votato per l’Idv di Di Pietro: «Per far capire come la penso, mi rifugio spesso in qualche esempio straniero: in Francia avrei votato volentieri per un Giscard D’Estaing, per uno Chirac, soprattutto per un De Villepin. In Germania non avrei dubbi: adoro Angela Merkel. Essendo italiano e non potendo permettermi quei lussi, e non potendo rifugiarmi nell’astensionismo e lasciare campo libero a Berlusconi e ai berluschini della sinistra, ho votato negli ultimi anni per Antonio Di Pietro, pur contestando la gestione personalistica del suo partito e la scelta di diversi collaboratori tutt’altro che all’altezza» [Mic, cit.].
• Alle Politiche 2013 ha votato per Rivoluzione civile alla Camera e per il Movimento 5 Stelle al Senato. 
• Pensa che negli ultimi anni gli unici ad avere in mente un disegno politico siano il presidente Napolitano e Berlusconi: «Due disegni malefici, in parte coincidenti (…) l’idea dell’alleanza destra-sinistra, che tagli fuori le estreme, cioè Lega da una parte, Grillo dall’altra» (Giorgio Dell’Arti) [Come sarà il 2014, Clichy 2013].
• Non crede nell’esistenza di un partito dei giudici: «Ma come fa a esserci un partito dei giudici se i giudici, tra di loro, si detestano? Stanno sempre lì a sforzarsi di dimostrare che sono più bravi di quelli che li hanno preceduti. Non ho mai visto un gup che rinvia a giudizio qualcuno per fare un favore al pm. Anzi, anche se accettano il rinvio a giudizio stanno sempre lì a dimostrare di aver visto o capito qualcosa che al pm era sfuggito» [Dell’Arti, cit.].
• «La scrittura di Travaglio è, alla lettera, questurina. E non perché la sua fonte principale sono i verbali di polizia, gli interrogatori e le intercettazioni, ma perché è quella di un moralista che fatalmente diventa immorale, dal momento che non conosce le lacerazioni della vita reale, bensì solo i codici che vorrebbero imprigionarla. Ne discende inevitabilmente un vocabolario povero e sciatto, ordinario e cupo e una prosa ferrigna e claustrofobica. Per accenderla, Travaglio è costretto a ricorrere, come i piccini, all’esplosione di miccette: “coglioni” e “dementi” e così via, spensieratamente» (Luigi Manconi) [Fog 30/4/2013].
• Sorcino, ama i cantanti pop italiani anni Settanta e la disco-music.
• Juventino, «anche se piuttosto disamorato, dopo il caso Moggi e le volgarità della attuale dirigenza che reclama i due scudetti» [Dell’Arti, cit.].
• Sposato con Isabella, due figli, Alessandro ed Elisa.


fonte cinquantamila.it




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Maggio 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina un cittadino si domanda le centraline per il controllo dell'aria che fine hanno fatto?

Salve, sono un semplice cittadino di Galatina Lecce. Prima dell'insediamento dell'Amministrazione Amante,si parla in campagna elettoriale di dislocare centraline dell'aria. Dove stanno? Scusate io,non le vedo.