Passa ai contenuti principali

COLDIRETTI PUGLIA, A GIOVINAZZO ULIVI CENTENARI RUBATI PER ABBELLIRE VILLE DI CHISSÀ CHI; SI MOLTIPLICANO DENUNCE

“Ancora una volta sono stati rubati ulivi di oltre 300 anni in un fondo olivicolo a Giovinazzo, espiantandoli in modo da garantirne la sopravvivenza, allo scopo di abbellire evidentemente le ville di chissà chi. In campagna gli agricoltori non ne possono più”, è l’ennesima denuncia del Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, alla notizia del furto con ‘assoluta destrezza’, considerata la mole degli alberi ‘scippati’, per cui l’imprenditrice olivicola danneggiata ha sporto regolare denuncia ai Carabinieri di Giovinazzo (provincia di Bari).

“Per questo abbiamo richiesto un incontro con l’Assessore regionale all’Agricoltura Di Gioia e con l’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare di Coldiretti – continua il Presidente Cantele - per individuare un percorso di radicale riorganizzazione degli attuali Consorzi di Vigilanza Campestri, strutture che per vocazione, fin dalla loro costituzione, hanno svolto il ruolo di presidio delle aree rurale, in modo che il territorio sia maggiormente presidiato e auspicando la prosecuzione del percorso già intrapreso di accorpamento dei Consorzi minori al fine di incrementare ed ottimizzare il servizio di vigilanza campestre reso all’utenza e un coordinamento delle attività di presidio e vigilanza tra le forze dell’ordine e la Federazione regionale dei Consorzi di Vigilanza campestre che annovera 2 consorzi a Taranto, 1 a Brindisi, 4 a Lecce, 12 a Foggia, 8 nella BAT e 30 a Bari”.
“Stiamo sensibilizzando gli agricoltori sull’importanza di sporgere regolare denuncia – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - per aiutare le forze di polizia ad analizzare dove si registrano in più larga misura i fenomeni criminosi, quando avvengono i furti, quali sono i mezzi e i prodotti maggiormente appetibili e come è strutturata la ‘filiera’ della ricettazione per economizzare le attività di polizia, rassicurando le vittime circa l’anonimato della denuncia”.
Pochi giorni fa a Santo Spirito in provincia di Bari è stato denunciato l’ennesimo taglio selvaggio di 40 ulivi secolari – aggiunge Coldiretti Puglia – che ha segnato la fine dell’attività olivicola del giovane olivicoltore vittima del vile atto.
“In Puglia è in atto una vera e propria strage – conclude il Direttore Corsetti - ad opera di gruppi criminali che tagliano gli ulivi secolari di inestimabile valore o per rivendere la legna o per rispondere alla richiesta di ulivi secolari per abbellire le ville”.
Il fenomeno della micro criminalità nelle aree rurali pugliesi – continua Coldiretti Puglia - è divenuto pressante e pericoloso, con furti di olive, mandorle, rame e mezzi agricoli, fenomeni estorsivi con il taglio dei ceppi di uva o ulivi millenari, masserie, pozzi e strutture letteralmente depredate, chilometri e chilometri di fili di rame, letteralmente volatilizzati lasciando le imprese senza energia elettrica e possibilità di proseguire nelle quotidiane attività imprenditoriali, fino alle infiltrazioni mafiose che monopolizzano, condizionano e si appropriano di vasti comparti dell’agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l’imprenditoria onesta, ma – conclude Coldiretti Puglia – compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy.

Bari, 25 luglio 2018



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Ottobre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di