Passa ai contenuti principali

Carabinieri e Coldiretti per lottare contro contraffazione e frodi alimentari

Accordo fra Arma dei Carabinieri e Coldiretti per lottare contro contraffazione e frodi alimentari, promuovere la tracciabilità dei prodotti enogastronomici e di artigianato, attività di ricerca per l’efficienza biologica delle coltivazioni e l’educazione ambientale.

La firma del protocollo d’intesa è giovedì 12 luglio 2018, alle ore 12.45, presso l’Abbazia di Vallombrosa a Reggello in provincia di Firenze, con il Generale C.A. Antonio Ricciardi, comandante delle Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari Carabinieri e il Presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo, nell’ambito delle celebrazioni in onore del patrono dei forestali italiani San Giovanni Gualberto.

L’obiettivo dell’intesa è rafforzare la cooperazione, nell’ambito delle specifiche competenze, fra la maggiore organizzazione italiana di rappresentanza delle aziende agricole e l’Arma dei Carabinieri da sempre in prima linea a tutela della sicurezza dei consumatori e del patrimonio agroalimentare e ambientale nazionale.

Il programma della giornata prevede, oltre alla firma del protocollo d’intesa, dalle 11 la solenne celebrazione eucaristica nella Basilica di Vallombrosa presieduta dal Padre Abate generale della Congregazione Vallombrosana con l’accensione della “Lampada votiva forestale”, a cui presenzieranno il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa e il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri. Verranno anche consegnate delle Borse di Studio da parte della fondazione San Giovanni Gualberto a bambini orfani dei Forestali. 

Bari, 12 luglio 2018


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata