Passa ai contenuti principali

RAPPORTO IMU-TASI 2018 A CURA DELLA UIL - SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI

Scade oggi, 18 Giugno, il termine di pagamento dell’acconto Imu-Tasi. A Lecce-città si pagherà mediamente 621 euro per le seconde case. Rispetto al dato nazionale, 86 euro in più. Secondo lo studio nazionale realizzato dalla Uil – Servizio Politiche Territoriali, nel capoluogo salentino la forbice si allarga sino a 1.701 euro per le prime case di lusso, contro una media nazionale di 1.305 euro.
«Lavoratori dipendenti e pensionati, che rappresentano il 76 per cento dei proprietari di immobili diversi dall’abitazione principale, sono i più penalizzati da questa imposta, che anche quest’anno avrà un
sovrapprezzo per le famiglie leccesi», commenta il segretario generale Uil Lecce, Salvatore Giannetto.
A livello nazionale, il costo medio complessivo dell’Imu-Tasi sulla seconda casa sarà di 1.070 euro (535 euro da versare con la prima rata di Giugno), mentre a Lecce l’importo a saldo raggiungerà la quota di 1.242 euro. Spesa che risulta tuttavia la più bassa a livello regionale: a Bari spenderanno in media 1.702 euro, a Brindisi 1.344 euro, a Taranto 1.289 euro e a Foggia 1.487 euro.
Chi possiede a Lecce-città una seconda pertinenza dell’abitazione principale della stessa categoria catastale (cantine, garage, posti auto, tettoie), quest’anno dovrà sborsare 60 euro (35 per la cantina e 85 per box-posto auto), contro i 55 della media nazionale.
Secondo il Rapporto Uil, il costo maggiore di Imu-Tasi in valore assoluto per una seconda casa si registra a Roma con 2.064 euro medi; a Milano, invece, si pagheranno 2.040 euro medi; a Bologna 2.038 euro; a Genova 1.775 euro; a Torino 1.745 euro. Valori più “contenuti”, invece, ad Asti con un costo medio di 580 euro; a Gorizia con 582 euro; a Catanzaro con 659 euro; a Crotone con 672 euro; a Sondrio con 674 euro.
Anche per l’anno in corso, le aliquote non hanno subito rialzi per via del blocco, ma non hanno nemmeno subito ribassi. In nessun capoluogo si è utilizzata, infatti, questa opzione e, quindi, sono state riconfermate le aliquote dello scorso anno (a Lecce l’11 per mille).
«Sulla fiscalità comunale, ed in particolare la tassazione della casa, - sostiene il segretario provinciale Uil Giannetto - si pone la questione se, e come, alleviare il peso per i contribuenti meno abbienti e, conseguentemente, chiedere un contributo maggiore a chi ha più disponibilità. Una tesi, questa, che avrebbe fondamento, se non ci trovassimo però di fronte a due paradossi: un alto grado di infedeltà fiscale e valori catastali e che non corrispondono al valore reale dell’immobile. Ecco perché, anche a livello territoriale, rilanciamo la proposta più volte avanzata dal segretario nazionale Guglielmo Loy: prima bisogna partire dalla revisione dei criteri che regolano valori catastali vecchi ed iniqui con una riforma che non deve, comunque, significare maggiori prelievi, ma una diversa e più equa ripartizione del prelievo sugli immobili in base al valore reale. Il tutto, ovviamente, dovrà essere accompagnato con una lotta “senza se e senza ma” all’evasione fiscale – conclude Giannetto - anche con un maggiore impegno dei Comuni rivolto a questa attività».


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Giugno 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina un cittadino si domanda le centraline per il controllo dell'aria che fine hanno fatto?

Salve, sono un semplice cittadino di Galatina Lecce. Prima dell'insediamento dell'Amministrazione Amante,si parla in campagna elettoriale di dislocare centraline dell'aria. Dove stanno? Scusate io,non le vedo.