Passa ai contenuti principali

QUINDICI ISTITUTI SCOLASTICI IN VISITA ALLA BIBLIOTECA “N. BERNARDINI” DI LECCE

Sono state trentasette, quest’anno, le giornate di attività didattiche organizzate dalla Biblioteca “N. Bernardini” di Lecce; ben 885 gli studenti che vi hanno preso parte, suddivisi per quindici istituti scolastici. Hanno partecipato, infatti, all’iniziativa cinque scuole secondarie superiori (l’Istituto Superiore “P. Siciliani” di Lecce, l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Galilei – Costa” di Lecce, l’I.T.E. “A. Volta” di Campi S., il Liceo Linguistico di Trani e il Liceo Scientifico “C. De Giorgi” di Lecce), tre scuole medie (l’Istituto Comprensivo Statale “Galateo – Frigole” di Lecce,
l’Istituto Comprensivo Statale “Magistrato G. Falcone” di Copertino e l’Istituto di Istruzione Secondaria Inferiore di S. Pietro in L.), cinque scuole elementari (il 4° Circolo “Cantobelli” di Lecce, l’Istituto “G. Deledda” di S. Pietro in L., l’Istituto “Stomeo – Zimbalo” di Lecce, l’Istituto Comprensivo di Cavallino e l’Istituto “Cuore Immacolato di Maria di Lecce) e una scuola dell’infanzia (“M. Montessori” di Dragoni – Lequile); è stata, inoltre, organizzata una giornata di attività con gli studenti stranieri ospiti dell’”Arci” di Surbo.
Con questa edizione si è arrivati al diciottesimo anno consecutivo in cui i bambini e i ragazzi delle scuole salentine hanno avuto l’opportunità di conoscere i veri e propri ‘tesori culturali’ contenuti nella storica Biblioteca leccese”: queste le parole del curatore dell’iniziativa, Gabriele De Blasi. “In tutti questi anni, l’iniziativa delle ‘visite didattiche’ ha sempre conseguito successo e grande partecipazione: decine le scuole coinvolte, centinaia gli studenti che hanno riempito le sale della storica istituzione culturale salentina”.

L’obiettivo, infatti, non è soltanto quello di far conoscere ai ragazzi l’enorme patrimonio storico e culturale custodito dalla Biblioteca, ma anche quello di fornire loro le ragioni per frequentarla, potendola considerare non solo un luogo di studio e ricerca. D’altronde, come ha rilevato Gabriele De Blasi, “gli oltre centoventimila volumi della ‘Bernardini’ possono coprire un’utenza che comprenda i docenti universitari, così come i bambini dell’età prescolare”.  

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Settembre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di