Passa ai contenuti principali

Lecce Andare oltre

–  “Accolgo l’invito dell’Assessore Agnoli, ci sarò con una proposta plurale ed integrativa.”



Ringrazio e accolgo l’invito dell’Assessore Agnoli; a mia volta ho esteso l’invito all’intero circolo leccese di Andare Oltre che come me crede nella pluralità di idee e di vedute: il 16 luglio saremo ai Teatini ad assistere con assoluta leggerezza alla “Corazzata Potemkin” ed aggiungo, anche il giorno dopo a vedere “Il giovane Karl Marx”. Al tempo stesso ho approntato un elenco di ulteriori cinque titoli che sottoporrò sia alla Cooperativa Don Bosco che all’Assessore nello spirito di integrare e completare l’attuale rassegna, priva ad esempio di titoli per i più piccoli e che possa quindi accogliere tutta la famiglia. Proporrò alla Cooperativa DB D’ESSAI di verificare la possibilità di proiettare queste ulteriori pellicole a ticket zero, e naturalmente senza ulteriori spese per il Comune di Lecce, in virtù della forte valenza sociale dell’iniziativa richiamata anche nella delibera di Giunta.
Andare Oltre, aggiungo, è per la libertà d'espressione e si impegna per la promozione del dialogo e del pluralismo culturale. Questa attitudine fa parte dell'identità di Andare Oltre e, anche in nome di questi valori, continueremo a vigilare e fare politica.

Massimo Fragola
Capogruppo Andare Oltre
Comune di Lecce

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata