Passa ai contenuti principali

Galatina Convegno sul Tarantismo

Sabato 16 giugno 2018, alle ore 19.00, nel Chiostro del Palazzo della Cultura Zeffirino Rizzelli, piazza Dante Alighieri 51, Galatina, si terrà il Convegno sul Tarantismo NEI RI-MORSI DELLA STORIA, organizzato dal Polo Bibliomuseale di Galatina –gestore Libermedia/Servizi e formazione per i beni culturali– in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Galatina e curato da Salvatore Luperto, Direttore artistico del Museo civico “Pietro Cavoti”.

Nei RI-MORSI DELLA STORIA: un ritorno periodico sul tarantismo, sui “morsi” ciclici della “tarantola” per analizzarne gli aspetti moderni antropologici e creativi.
Dopo i saluti del Sindaco Marcello Pasquale Amante e dell’Assessore alla Cultura Cristina Dettù, i relatori, docenti dell’Università del Salento, Carlo Alberto Augieri, Eugenio Imbriani, Giancarlo Vallone, Gianfranco Salvatore con Mario Cazzato (architetto), Tony Candeloro (danzatore, coreografo), Tommaso Faggiano (documentarista) s’intratterranno su alcuni aspetti del tarantismo in particolare sulla parola evocatrice, sull’immagine e sulla devozione.
L’iniziativa ha lo scopo di introdurre una serie di convegni ciclici sul tarantismo e sugli attuali sviluppi nell’ambito creativo (arti visive, pièce in musica, danza, prosa e pièce drammatica) con l’obiettivo di restituire a Galatina il suo originario e antico ruolo di terra protagonista del fenomeno storico-sociale che caratterizza la cultura antropologica del Salento.
Durante il convegno sarà presentato il libro Il peso dei rimorsi, Ernesto De Martino cinquant’anni dopo a cura di Eugenio Imbriani e sarà proiettato, a chiusura della manifestazione, il cortometraggio Il fascino discreto del volto del santo di Fabrizio Lecce e Giuseppe Carrieri.




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Agosto 2018

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di