Passa ai contenuti principali

Destinazione Puglia

Destinazione Puglia: terra ambita, osservata, scelta da un numero sempre crescente di viaggiatori. È l’ora della consapevolezza di una terra che ha scoperto se stessa, rilanciando saperi e riti, cultura musicale e gastronomica, patrimonio paesaggistico e architettonico. Ha trasformato il tarantismo in Notte della Taranta, le masserie e i trulli in dimore deluxe, i piatti del ricettario tradizionale in punti di forza e seduzione. 

L’ora è quella giusta per connettere il territorio alle grandi esperienze di rango nazionale e internazionale nell’ambito dell’hospitality e della ristorazione, creando connessioni in grado di lanciare il territorio oltre i confini regionali. È la mission di FoodExp, il contenitore che non c’era dove tutti i segmenti attivi di questa rinascita convergono. 
Appuntamento dal 18 al 20 giugno a Lecce, nelle sale quattrocentesche di Torre del Parco, per questa edizione numero uno del congresso dedicato all’alta formazione, a partire dall’esempio internazionale dell’Ecole Hôtelière Lausanne. “Origini” è il tema-chiave di FoodExp, vetrina dove i grandi attori del made in Italy saranno chiamati a raccontare le storie da cui originano i percorsi esemplari di ciascuno, come Francesco Cerea del ristorante tristellato Da Vittorio di Brusaporto (Bg), Alessandro Pipero dello stellato Pipero Roma, Antonio Guida del bistellato Seta, ristorante del Mandarin Oriental Hotel di Milano, Paolo Lopriore de Il Portico di Appiano Gentile (Co), protagonisti dell’evento. Operatori e appassionati, turisti e locali saranno coinvolti a esperire direttamente origini e avanguardia della cucina pugliese, partecipando ai vari appuntamenti, da dibattiti a laboratori, da conferenze a cooking show. 
Il format ideato da Giovanni Pizzolante, consulente operativo nel mondo dell’hospitality management da 30 anni a capo del gruppo Sinext, vuole essere un alert per gli operatori del settore e un’occasione per valorizzare e far conoscere il ricco patrimonio enogastronomico e dell’ospitalità pugliese. Un progetto nato con l’ambizione di mettere in circolo storie esemplari e informazioni, alternando il respiro del congresso alla circolarità delle tavole rotonde, le masterclass all’esperienza in presa diretta della Puglia e della grande bellezza di questa destinazione, con percorsi di degustazione apparecchiati dai cuochi pugliesi, che si alterneranno fra il FoodExp Gourmet, gli Agugiaro&Figna Lab, i Cooking Show Berto’s e le cene: dagli chef Maria Cicorella e Antonio Zaccardi dello stellato Pashà a Domingo Schingaro Due Camini Borgo Egnazia, da Franco Tornese  e Stefano Politi de Il Vigneto del Gusto ad Alessandro Pascali di Tenuta Furnirussi,  da Alessandra Civilla di Alex a Tiziana Perlangeli dell’Osteria degli Spiriti, da Emanuele Frisenda e la pastry chef Claudia De Massimo di Aqua Le Dune a Francesco e Giovanni Pellegrino, da  Andrea Cannalire dello stellato Cielo Relais La Sommità a Maurizio Raselli di 3 Rane Ristoro, da Flavio Pedaci del Don Fausto a Gianluca Spagnolo di Torre del Parco e i pizza chef Andrea Godi del 400 Gradi, Guglielmo Vuolo, Giuseppe De Lucia di Zio Giglio e Paolo Priore. 

Cuore nel cuore della tre giorni sarà la competizione che premierà il Miglior Chef e Pizza Chef Emergente fra gli under trenta pugliesi. La prestigiosa manifestazione organizzata da Witaly, dal critico Luigi Cremona e dalla giornalista Lorenza Vitali, sbarca in Puglia con un format di taglio esclusivamente regionale, con l’obiettivo di premiare e valorizzare i giovani pugliesi, offrendo loro una vetrina d’eccezione nel contesto di FoodExp. Chi supererà la selezione regionale entrerà di diritto nella competizione, che a ottobre a Roma seleziona i migliori del Centro Sud, mentre il 20 giugno ci sarà un casting per accedere alla prossima edizione di Emergente Sala Puglia, che si svolgerà nella primavera 2019. 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Giugno 2018

Galatina montato il puntello blocca auto all'entrata della Porta Luce

Montato un puntello blocca auto all'ingresso della Porta Luce,si aziona tramite un telecomando lo possono azionare i vigili urbani significa che e' elettrico ed e' luminoso, la parte superiore ci sono dei led di colore arancione per essere visibile che c'e' l'ostacolo questo sistema e' adottato anche alle grandi citta' e specialmente per salvaguardare i centri storici.