Passa ai contenuti principali

Incontro in Episcopio con il Prefetto dell’Archivio Segreto Vaticano mons. Sergio Pagano

È in programma martedì 29 maggio alle 11 nel Salone dell’Arcivescovado di Lecce in Piazza
Duomo un incontro aperto, voluto dall’Arcidiocesi in collaborazione con l’Università del Salento
per ricordare la figura e il ministero leccese dell’Arcivescovo Cosmo Francesco Ruppi nel settimo
anniversario della sua morte (29 maggio 2011). Come si ricorderà mons. Ruppi morì dopo aver
lottato con la malattia e la sofferenza presso la Casa per anziani “Fondazione Giovanni XXIII” di
Alberobello, sua città natale, struttura che egli considerava come una sua creatura.

Arcivescovo di Lecce per oltre vent’anni (dal 1988 al 2009) grande è stato l’impegno pastorale e
sociale di mons. Ruppi a favore del dialogo tra le istituzioni a beneficio dello sviluppo del territorio.
Uno stile di presenza e di attenzione a tutte le realtà del Salento. Un servizio a tutto tondo
con un occhio particolare per i bisogni dei poveri.
Come non ricordare la grande esperienza di Chiesa vissuta con il Sinodo diocesano aperto a Lecce
il 18 settembre 1994 con la visita di San Giovanni Paolo II che sostò per due giorni nella nostra
città: l’abbraccio del popolo in Piazza Sant’Oronzo, i fuori-programma con i giovani in Piazza
Duomo, la messa allo stadio e l’inaugurazione del nuovo seminario. Pagine indimenticabili della
storia della Chiesa di Lecce che hanno avuto in mons. Ruppi un protagonista assoluto.
L’incontro del 29 maggio sarà l’occasione - in attesa che le sue spoglie mortali tornino a Lecce, in
Cattedale, volontà espressamente manifestata nel suo testamento - per ripercorrere le tappe di
una vita vissuta con la passione per il Vangelo.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Ottobre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di