Passa ai contenuti principali

Martano “Olimpiadi dell’amicizia”

I Volontari dei progetti di Servizio Civile Nazionale del Comune di Martano “Meletò” e “Phronesis 2016” comunicano che, mercoledì 11 Aprile 2018 a partire dalle ore 09.00 presso i Giardini del Palazzo Ducale sito in via Calimera, organizzeranno un banchetto informativo sul Servizio Civile, in occasione della VII edizione delle “Olimpiadi dell’amicizia”. I ragazzi forniranno agli interessati tutte le informazioni riguardanti l’esperienza di Servizio Civile, distribuendo materiale informativo e rispondendo a tutte le domande riguardanti le modalità di partecipazione e le potenzialità di quest’esperienza di cittadinanza attiva.

Per qualsiasi ulteriore informazione ci si può rivolgere direttamente presso l'Ufficio Affari Generali del Comune, sito in Piazzetta Matteotti n. 12, nei giorni di lunedì, martedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e il giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30 (esclusi festivi), tel. 0836-575272 email: comune.martano@pec.rupar.puglia.it o rivolgendosi dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30 direttamente ai volontari presso la Biblioteca civica “Paolo Stomeo”.


I Volontari dei Progetti di SCN del Comune di Martano
“Meletò” e “Phronesis 2016”





Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata