Passa ai contenuti principali

La costituzione del Centro di Competenza

Bari, 5 aprile 2018 - La struttura dell’economia italiana, è caratterizzata da un’imprenditoria diffusa. Creare un ambiente favorevole alle imprese risponde ad un interesse pubblico, come pure la globalizzazione e i cambiamenti tecnologici in corso impongono una nuova visione e azione.
Il Piano Industria 4.0, oggi Impresa 4.0, avviato nel 2017 dal Governo (si concluderà nel 2020) vuole rappresentare concretamente una grande occasione per tutte le aziende pubblico-private che vogliono cogliere le opportunità legate alla cosiddetta quarta rivoluzione industriale: quella legata alla digitalizzazione e all’utilizzo di dati a supporto di macchine intelligenti, interconnesse e collegate ad internet.

Il Piano, coordinato su scala nazionale, tra gli altri attori, anche dalle Università: Politecnico di Bari, Torino, Milano, dall’Istituto S. Anna di Pisa e dalla CRUI, prevede un insieme di misure organiche e complementari in grado di favorire gli investimenti per l’innovazione e per la competitività. Tale Piano, per essere attuato, prevede otto principali azioni. Tra queste figurano gli istituendi Centri di Competenza ad alta specializzazione, poli di innovazione pensati nella forma di partenariato pubblico-privato e nel quale figuri almeno un organismo di ricerca.
I Centri di competenza hanno come finalità l'orientamento e la formazione delle imprese (in particolare Pmi) e l'attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in ambito 4.0. Essi rappresentano pertanto, uno strumento strategico nel supporto alle imprese per affrontare i necessari processi di trasformazione in atto legati a importanti investimenti anche sul piano della formazione professionale.
Con l’istituzione dei Competence Center si andranno a costituire poli di eccellenza nazionali capaci di valorizzare le competenze di Università ed industria con l’obiettivo di facilitare il trasferimento tecnologico verso le imprese italiane. In particolare i centri di competenza dovranno svolgere attività di orientamento e formazione alle imprese nonché di supporto nell'attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione, da parte delle imprese fruitrici, in particolare delle Pmi, di nuovi prodotti, processi o servizi (o al loro miglioramento) tramite tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0.
Per la loro costituzione e avviamento è previsto un finanziamento pari alla misura del 50 per cento delle spese sostenute, per un importo complessivo non superiore a 7,5 milioni di euro. Per i progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale presentati dalle imprese interessate, il finanziamento pubblico ammonterà al 50 per cento delle spese sostenute, per un importo massimo non superiore a 200 mila euro per progetto. Le risorse disponibili sono pari a 20 milioni di euro per il primo anno di azione e 20 milioni di euro per il secondo.
Per queste importanti ragioni e opportunità offerte al territorio, il Politecnico di Bari, Confindustria Puglia e la Regione Puglia organizzano per domani, venerdì, 6 aprile, alle ore 16.00, presso la sala videoconferenze (via Amendola, 126/b) un incontro di presentazione del Progetto del Centro di Competenza e dei contenuti dell’Avviso pubblico rivolto alle imprese del territorio pubblicato nei giorni scorsi (http://www.poliba.it/cci40).
Attraverso l’avviso pubblico ci si propone di selezionare i partner privati per la costituzione del Centro di Competenza ad Alta Specializzazione nelle tecnologie “Industria 4.0” nella forma del Partenariato Pubblico-Privato (Bando Mise emanato con Decreto del 29.1.2018). Le attività del Centro di Competenza ad alta specializzazione si articoleranno in tre filoni fondamentali: orientamento, formazione alle imprese e attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale.
Il progetto si fonda sulla struttura federativa di 8 Atenei. Insieme con il Politecnico di Bari: Università di Napoli Federico II, Università di Salerno, Università di Bari A. Moro, Università della Campania L. Vanvitelli, Università del Salento, Università del Sannio, Università di Napoli Parthenope. Alle istituzioni universitarie si affiancano in partnership Regione Campania e Regione Puglia.
Ai dieci partner pubblici, sulla base del bando nazionale emanato dal Ministero dello Sviluppo economico, dovranno corrispondere almeno dieci partner privati. Il termine fissato dall’Avviso per la presentazione delle domande di adesione da parte dei privati è venerdì 13 aprile.
L’incontro di presentazione del Progetto Centro di competenza e dei contenuti dell’Avviso pubblico in programma domani, 6 aprile, sarà presieduto dal Rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio. Interverranno, per Confindustria Puglia, Domenico De Bartolomeo; per il Politecnico di Bari, Pierpaolo Pontrandolfo, direttore del Centro interuniversitario di ricerca ‘Industria 4.0’, e, per la Regione Puglia, il Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro, Domenico Laforgia.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata