Passa ai contenuti principali

Il rischio di infezioni nell’ assistenza ai malati. Gli infermieri in prima linea a Lecce per adottare le misure più efficaci

Si chiamano «infezioni correlate all’assistenza» (ICA) e sono più frequenti di quanto si possa immaginare. Si parla di almeno 5-8 casi ogni 100 ricoverati in strutture sanitarie, ma le infezioni non risparmiano neppure le case di cura, l’assistenza a domicilio e gli ambulatori.
Un enorme problema, anche sotto l’aspetto clinico-economico, che ha richiamato a Lecce gli infermieri specialisti nel rischio infettivo,
riuniti nella società scientifica “Anipio”.
«L’infezione è un rischio al quale è sottoposto il paziente durante il suo percorso di cura  – ha spiegato Maria Antonietta Pompeo, vice presidente nazionale di Anipio – Possono cioè crearsi dei piccoli incidenti di percorso che determinano il rischio di contrarre una patologia in più all’interno del percorso assistenziale. E non è un problema che emerge oggi  - aggiunge -  ma sta diventando una vera e propria urgenza, perché investe tutti gli ambiti della sanità pubblica».
Il rischio di infezioni si è fatto più concreto perchè i germi più responsabili hanno elaborato delle resistenze nei confronti degli antibiotici.
«Un problema gravoso a livello mondiale quello della antibiotico-resistenza – spiega Pompeo – legato anche all’aumento dell’età media e quindi alle cure che si prolungano nel tempo».
I germi da combattere sono quelli multiresistenti, come ad esempio la klebsiella Pneumoniae, l’ acinetobacter baumannii , lo pseudomonas aeruginosa o lo stafilococco aureo.
La strategia di attacco riguarda il paziente ma anche  l’ambiente, gli  alimenti e la medicina veterinaria. Un approccio globale.
«Il convegno si è tenuto a Lecce per dare la possibilità ad Anipio di essere conosciuta anche nel meridione, fa sapere Lina Spedicato delegata per la Puglia – e per condividere le conoscenze e le linee guida».
«Secondo l’Oms, le aree più esposte alle infezioni – spiega Marcello Antonazzo, presidente di OBI Lecce, l’Ordine delle professioni infermieristiche - riguardano l’inserimento dei cateteri vascolari, le problematiche associate alle patologie ventilatorie e le infezioni del tratto urinario».
Nella Asl di Lecce da oltre un anno è attivo un gruppo interdisciplinare per il monitoraggio del rischio clinico. In prima linea, oltre ad Antonio Sacco, infermiere presso la direzione medica, anche il direttore del “Vito Fazzi”, Giampiero Frassanito e la dottoressa Patrizia Ciminiello.

fonte salute salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Settembre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di