Passa ai contenuti principali

Il rischio di infezioni nell’ assistenza ai malati. Gli infermieri in prima linea a Lecce per adottare le misure più efficaci

Si chiamano «infezioni correlate all’assistenza» (ICA) e sono più frequenti di quanto si possa immaginare. Si parla di almeno 5-8 casi ogni 100 ricoverati in strutture sanitarie, ma le infezioni non risparmiano neppure le case di cura, l’assistenza a domicilio e gli ambulatori.
Un enorme problema, anche sotto l’aspetto clinico-economico, che ha richiamato a Lecce gli infermieri specialisti nel rischio infettivo,
riuniti nella società scientifica “Anipio”.
«L’infezione è un rischio al quale è sottoposto il paziente durante il suo percorso di cura  – ha spiegato Maria Antonietta Pompeo, vice presidente nazionale di Anipio – Possono cioè crearsi dei piccoli incidenti di percorso che determinano il rischio di contrarre una patologia in più all’interno del percorso assistenziale. E non è un problema che emerge oggi  - aggiunge -  ma sta diventando una vera e propria urgenza, perché investe tutti gli ambiti della sanità pubblica».
Il rischio di infezioni si è fatto più concreto perchè i germi più responsabili hanno elaborato delle resistenze nei confronti degli antibiotici.
«Un problema gravoso a livello mondiale quello della antibiotico-resistenza – spiega Pompeo – legato anche all’aumento dell’età media e quindi alle cure che si prolungano nel tempo».
I germi da combattere sono quelli multiresistenti, come ad esempio la klebsiella Pneumoniae, l’ acinetobacter baumannii , lo pseudomonas aeruginosa o lo stafilococco aureo.
La strategia di attacco riguarda il paziente ma anche  l’ambiente, gli  alimenti e la medicina veterinaria. Un approccio globale.
«Il convegno si è tenuto a Lecce per dare la possibilità ad Anipio di essere conosciuta anche nel meridione, fa sapere Lina Spedicato delegata per la Puglia – e per condividere le conoscenze e le linee guida».
«Secondo l’Oms, le aree più esposte alle infezioni – spiega Marcello Antonazzo, presidente di OBI Lecce, l’Ordine delle professioni infermieristiche - riguardano l’inserimento dei cateteri vascolari, le problematiche associate alle patologie ventilatorie e le infezioni del tratto urinario».
Nella Asl di Lecce da oltre un anno è attivo un gruppo interdisciplinare per il monitoraggio del rischio clinico. In prima linea, oltre ad Antonio Sacco, infermiere presso la direzione medica, anche il direttore del “Vito Fazzi”, Giampiero Frassanito e la dottoressa Patrizia Ciminiello.

fonte salute salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 26 Marzo 2019

Video Integrale
Caricamento

Galatina un cittadino si domanda le centraline per il controllo dell'aria che fine hanno fatto?

Salve, sono un semplice cittadino di Galatina Lecce. Prima dell'insediamento dell'Amministrazione Amante,si parla in campagna elettoriale di dislocare centraline dell'aria. Dove stanno? Scusate io,non le vedo.