Passa ai contenuti principali

Dall’analogico al digitale: così migliorano le aziende

Il processo rivoluzionario che porta le nostre aziende dall’analogico al digitale è in atto già da qualche anno ed i benefici cominciano a farsi notare in maniera netta. Digitalizzare un processo aziendale è molto più della digitalizzazione di un semplice documento.
È un nuovo paradigma organizzativo che consente di mappare in modo completo tutte le attività, di risparmiare tempo e costi e
garantire alti livelli di performance. 
La digitalizzazione dei processi aziendali, dunque, è solo il primo ma indispensabile passo che le aziende devono compiere per avvicinarsi al concetto di Industry 4.0 – il quale, anche grazie al Piano Calenda 2016 ed ai 13 miliardi per l’innovazione destinate alle imprese italiane, sembra ormai ad un passo dal concretizzarsi.
Passando alla digitalizzazione di tutti i processi aziendali si può agire per migliorare il coordinamento tra le varie unità aziendali, agendo su diversi fronti come: prendere decisioni razionali su dati raccolti in tempo reale, aggiornare gli obiettivi, ridurre gli sprechi di tempo e di risorse, condividere le informazioni, mettere in piedi un meccanismo di miglioramento continuo delle attività aziendali. In definitiva, dunque, la digitalizzazione dei processi permette di risparmiare sulle tempistiche e sui costi, oltre a garantire un più alto livello di performance.
I benefici della digitalizzazione dei processi aziendali, come evidenzia it.efax.com nel suo blog, vanno considerati anche in base ai processi all’interno di un’impresa. Questi rappresentano tutte le attività interne che creano del valore trasformando delle risorse in un prodotto, il quale può essere destinato sia ad un destinatario interno all’impresa stessa che direttamente al cliente esterno. In altre parole, dunque, un processo aziendale trasforma degli input in output dal valore aggiunto, al fine di raggiungere un determinato obiettivo di business.
All’interno di un’azienda digitalizzata, l’intera organizzazione delle attività è strutturata in processi: esistono dunque processi amministrativi, contabili, digitali, organizzativi, e sono sempre di più le realtà aziendali che stanno avviando dei progetti di digitalizzazione di tutti questi processi, potendo così vantare già oggi delle ripercussioni positive sulla propria produttività.
I risultati, come detto, non si sono fatti attendere ed infatti le aziende italiane sembrano aver ingranato una marcia superiore che spinge gli imprenditori a guardare con ottimismo al futuro. Tanto è vero che il Made in italy, soprattutto il manufatturiero, sta cercando di accelerare il processo di digitalizzazione attraverso il Piano Calenda e altre iniziative a sostegno dell’innovazione.
Quello della digitalizzazione è, dunque, un processo imprescindibile per le nostre aziende che vogliono volgere lo sguardo al futuro con un certo ottimismo. L’importante è quindi affidarsi ai professionisti del settore e sposare in pieno le novità introdotte dalle nuove tecnologie per avere successo nel mondo del lavoro e per avere successo su tutti i fronti.
Ecco perchè molte realtà imprenditoriali hanno dato via ad una serie di investimenti importanti che puntano dritto verso la digitalizzazione delle proprie aziende a partire anche dalle cose più semplici.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata