Passa ai contenuti principali

CUTROFIANO – Un incontro pubblico sulla Carta di identità elettronica

CUTROFIANO – Un incontro pubblico sulla Carta di identità elettronica e sull’espresso consenso o diniego alla donazione di tessuti o di organi.
L’amministrazione comunale di Cutrofiano, con il patrocinio della Asl di Lecce, promuovono un confronto tra esperti. Non mancheranno le testimonianze.

L’appuntamento è per sabato 7 aprile, alle 18.30, nelle scuderie di Palazzo Filomarini.
Introducono i lavori il sindaco Oriele Rolli e il segretario comunale, Maria Antonietta Foggetti. Interverranno, poi, Raffaella Guido, medico, con una relazione sul tema delle donazioni in Puglia e Domenico Corlianò, dirigente medico sul tema delle morti cerebrali. Seguiranno le testimonianze di Lorenzo Ria, già deputato e di Salvatore Baglivo. Modera Giovanni Perfetto.
Va detto che il processo di emissione della carta di identità elettronica è gestito direttamente dal Ministero dell’Interno e la consegna avviene entro pochi giorni dalla data della richiesta allo Sportello anagrafe del Comune.
Ecco la documentazione da presentare: documento di identità in corso di validità, una foto tessera a colori su sfondo bianco, recente e con il capo scoperto, la tessera sanitaria (o carta nazionale dei servizi) o codice fiscale, versamento di 22,21 euro alla Tesoreria comunale (Banco di Napoli, Iban IT82B0101004015100000046814).
La carta di identità scaduta o in scadenza deve essere obbligatoriamente consegnata allo sportello. In caso di furto o smarrimento o deterioramento (tale da non permettere il riconoscimento del numero della carta) del vecchio documento occorre presentarsi allo sportello con la denuncia resa presso le competenti autorità.


L’Ufficio Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata