Passa ai contenuti principali

COLDIRETTI PUGLIA, SENZA RISPOSTE SU GIOVANI BASTA TAVOLI

“Coldiretti non parteciperà più ad alcun tavolo sul PSR fino a quando l’Assessorato all’Agricoltura non darà una risposta concreta alle migliaia di domande di insediamento in agricoltura dei giovani pugliesi rimaste inevase.  L’incontro odierno è stato l’ennesimo teatrino della politica, in cui l’Assessore Di Gioia ha assunto un atteggiamento gattopardesco. Per l’ennesima volta ha annunciato di voler cambiare tutto per non cambiare niente”. E’ quanto afferma il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, sull’ennesimo incontro per valutare lo ‘stato di malattia’ del PSR 2014 – 2020 con la Puglia che a livello nazionale ha il triste primato di non aver ancora pagato neanche una domanda per l’insediamento giovani, insieme a poche altre realtà.

“Ci mobiliteremo insieme alle migliaia di giovani e aziende che vogliono investire” perché ciò che ancora manca è la scelta politica di dare “una sterzata alla gestione della macchina amministrativa che evidentemente non ha funzionato e ha causato la fase di stallo che è sotto gli occhi di tutti” ha continuato Cantele.
“L’Assessore non può continuare a minimizzare e tergiversare, perché i tecnicismi su ciò che è avvenuto finora non possono essere la risposta ai sogni di 5mila giovani, alle oltre 3mila aziende che devono investire e a quanti vogliono ricostruire un futuro produttivo nelle campagne distrutte dalla Xyella” ha aggiunto Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia.  “Tocca all’Assessorato fare scelte, subito, verificarle legalmente e amministrativamente “senza nascondersi dietro un dito per non mettere mani al problema”.  


Bari, 5 aprile 2018

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata