Passa ai contenuti principali

Ciro Basile Campione Italiano Juniores

Ciro Basile ha 17 anni, frequenta il Liceo Classico Quinto Orazio Flacco a Bari e studierà Ingegneria all’Università, ma ha una grande passione, che pratica dall’età di 7 anni e vuole proseguire a livello professionistico: la vela. È iscritto al Circolo Vela Bari e lo scorso 25 marzo, dopo quattro giorni di regate al CICO - Campionato Italiano Classi Olimpiche 2018 - di Genova, dove ha partecipato
sponsorizzato da Caroli Hotels, ha conquistato il primo posto ed è diventato Campione Italiano Juniores (U21) in classe Laser Standard, piazzandosi al 13° posto in classifica generale, su 72 iscritti alla manifestazione. “Durante i primi tre giorni la gara è stata in costante salita, tranne qualche errore di troppo nel giorno finale, dove ho dovuto lottare punto a punto con il secondo classificato per evitare che mi passasse in classifica- sostiene il giovane barese - Penso che le difficoltà maggiori le ho avute, dal punto di vista mentale, nell’ultimo giorno di gara nel gestire la pressione e dal punto di vista fisico il primo giorno, quando ho disputato 3 prove con vento variabile dai 15 ai 25 nodi”. Per affrontare non solo questo evento, ma anche quelli futuri Ciro ha perseguito un programma di allenamenti, durante tutto l’inverno, sia in barca, che in palestra, che lo hanno aiutato molto a migliorare le sue prestazioni fisiche. Questa settimana, fino al 7 aprile, è a Palma di Maiorca, impegnato nella 49esima edizione del Trofeo S.A.R. Princesa Sofia, che da quasi mezzo secolo richiama alle Baleari alcuni tra i migliori velisti del mondo (1200 velisti iscritti, 850 imbarcazioni da 64 Nazioni), mentre in estate parteciperà ai Campionati Europei e Mondiali, che costituiscono insieme al Campionato Italiano già disputato i suoi maggiori obiettivi per la stagione. La passione per la vela è nata in lui con il primo corso invernale praticato all’età di 9 anni e ha capito che poteva fare sul serio, quando ha iniziato a vincere le prime gare già sull’optimist: “Qualsiasi competizione o forma di gara mi affascina, ma la difficoltà e l’insieme di tutte le varianti meteorologiche, tattiche e strategiche fanno della vela uno sport unico! La partecipazione ai campionati europei e mondiali degli scorsi due anni è stata per me una grande soddisfazione, ma anche qualche buon risultato in tappe di gare italiane ed europee hanno contribuito al mio orgoglio personale”. Per raggiungere gli ottimi risultati Ciro si allena costantemente, quattro volte in barca alla settimana e in base ai periodi anche 2 o 3 allenamenti in palestra. “Sicuramente il contatto col mare e la presenza di amici rende la vela affascinante, ma un ragazzo dovrebbe avvicinarsi a questo sport, anche perché fa crescere molto, oltre a far divertire e ti responsabilizza a tal punto da renderti una persona migliore in tutti gli aspetti della vita”.  L’incontro con i Caroli Hotels, che lo sostengono come sponsor, è avvenuto anni fa, quando ha conosciuto il direttore Attilio Caputo, tramite suo padre, al Circolo Velico dell’Ecoresort Le Sirenè di Gallipoli e ha visitato il resort in occasione di un gala della vela. “Mi piace molto il Salento – afferma - in particolare l’acqua cristallina e i pasticciotti!”







Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata