Passa ai contenuti principali

Salento Rainbow Film Fest

Da martedì 13 a sabato 17 marzo (ingresso libero) torna in Puglia il Salento Rainbow Film Fest, organizzato dall’associazione LeA – Libertamente e Apertamente. La quarta edizione del festival di cinema arcobaleno del Salento abiterà quest’anno gli spazi del CineLab “Giuseppe Bertolucci”, grazie alla collaborazione con Apulia Film Commission che co-finanzia l’iniziativa, e quelli delle Manifatture Knos che negli anni hanno visto la nascita e l’evoluzione della rassegna. Un'edizione di respiro regionale, grazie alla sinergia con i Cineporti di Puglia, che prenderà il via con un'anteprima a Foggia e a Bari per poi entrare nel vivo con i tre giorni di fitta programmazione a Lecce.

A Corpo Libero
è il claim di quest'anno, che vuole sottolineare l'idea di un festival inteso come occasione per esplorare gli altri, mettersi in ascolto e  in relazione superando le logiche etichettanti di una cultura che genera normalizzazioni, per rivendicare l’esigenza di esprimere se stessi, i propri corpi, in maniera libera, trasparente, in qualsiasi contesto. Per andare oltre l'orientamento sessuale e l'identità di genere, o semplicemente per creare connessioni fra le persone.
Anche quest’anno il Salento Rainbow Film Fest sarà fortemente connotato dalla presenza degli studenti e delle studentesse delle scuole superiori di Lecce e provincia. Oltre duecento ragazzi del Liceo Artistico “Ciardo Pellegrino” parteciperanno a due matinée con proiezioni riservate alle scuole, per il terzo anno consecutivo un gruppo della sezione audio-visivo dell’istituto comporrà la Youth Jury del festival coordinata dal professore Dario Patrocinio.  La giuria sarà spalleggiata da un collettivo di studenti del Liceo “Capece” di Maglie che saranno  coinvolti nella valutazione di una selezione di corti in programma. Confermate anche per quest’anno la giuria del CineClub Universitario - guidata dal professore Luca Bandirali - e quella delle associazioni del territorio che da sempre supportano il festival, impegnate nella valutazione della sezione dei lungometraggi e dei documentari.


Incontri con registi e critici, proiezioni di film e documentari, presentazioni di libri, mostre, performance e molto altro per un fitto programma di appuntamenti che prenderà il via il martedì 13 marzo alle 20.00 al Cineporto di Foggia con un incontro tra il giornalista Luigi Lioce e il regista e fotografo cagliaritano Giovanni Coda, seguito dalla proiezione dei suoi due lavori: il corto "Xavier" del 2017 e il film "Bullied To Death" del 2016. Mercoledì 14 marzo alle 20.00 tappa al Cineporto di Bari dove la giornalista Antonella Gaeta incontrerà Giovanni Minerba, regista e ideatore del TGLFF – Torino Gay & Lesbian Film Festival, a seguire proiezione dei corti di Ottavio Mai, regista, sceneggiatore, attore, scrittore e poeta italiano scomparso nel 1992, autore di "Giovanni" e "Più vivo di così non sarò mai" e del lungometraggio "
 insieme a Giovanni Minerba.
Giovedì 15 marzo il Salento Rainbow Film Fest approda alle Manifatture Knos e al Cinelab del Cineporto di Lecce dove, a partire dal tardo pomeriggio, si susseguiranno incontri, proiezioni e presentazioni di libri: alle 18.00 l'assessora alle Pari Opportunità del Comune di Lecce Silvia Miglietta incontrerà la regista pugliese Letizia Cerrati autrice del cortometraggio "In mezzo al vento", a seguire la giornalista Ilaria Marinaci dialogherà con il regista Luciano Toriello autore di "Erma - Una lettera e un violino", un lavoro che racconta la storia della violinista H.E.R., la prima cantautrice ad aver cambiato sesso in Italia. Alle 19.00 Giovanni Minerba incontrerà il regista, sceneggiatore e produttore romano Marco Simon Puccioni che attraverso il documentario "Prima di tutto" del 2012 ha esplorato le nuove "parentele" che si formano tra le famiglie create con la gestazione per altri; alle 19.30 spazio all'incontro tra gli scrittori salentini Osvaldo Piliego e Mauro Scarpa per la presentazione di "Regina", il nuovo libro di Scarpa pubblicato da Ergot editore, romanzo distopico che indaga su una società compulsiva e narcisista che ha messo lentamente da parte le relazioni. La serata proseguirà con l'incontro tra Giampaolo Morelli, ideatore del progetto “Party Rock Salento" e il giovane regista milanese Andrea Meroni autore del film "Ne avete finocchi in casa?", a seguire proiezione del film "Il padre d'Italia" di Fabio Mollo, protagonisti Luca Marinelli e Isabella Ragonese.
Venerdì 16 marzo il programma di appuntamenti leccesi riprende alle 18.15 con la proiezione del film di Jurgen Ureña "Abrazame como Antes" e  l'incontro con la direttrice della fotografia Silvia Garzia, seguito dalla proiezione del lavoro di Silvia Maggi e Silvia Radicono "26 de Diciembre". In serata (ore 20.15) la regista Paola Leone incontra il regista Giovanni Coda autore del cortometraggio "Xavier", a seguire il regista salentino Paolo Pisanelli dialogherà con la regista Elisa Flaminio Inno per presentare il film "Pagani", documentario del 2016 che racconta la storia di viaggio di preghiera e festa nella comunità omosessuale dei devoti alla "Madonna delle Galline". Alle 21.50 l'incontro con il regista Carmine Amoroso e la proiezione di "Porno e libertà" chiuderà la seconda giornata del festival mentre negli spazi delle Manifatture Knos.
L'ultima giornata del Salento Rainbow Film Fest, sabato 17 marzo, comincerà dalla proiezione del cortometraggio "Era ieri" della regista Valentina Pedicini, seguirà l'incontro tra la giornalista Valeria Raho e il regista Cosimo Terlizzi autore del film "L'uomo doppio", contemporaneamente spazio alla presentazione del libro della scrittrice Monica Romano "Gender Revolution" insieme alla cantautrice e icona queer Eleonora Magnifico. Gli appuntamenti della serata proseguiranno con l'incontro tra Ilaria Florio e Cecilia Grasso, regista del film "Al di là dello specchio", a seguire Chiara Eleonora Coppola di Apulia Film Commision incontrerà Giovanni Minerba per introdurre la proiezione del cortometraggio "Orfeo, il giorno prima", l'incontro con il regista Fabio Massa e la proiezione del suo film "Aeffetto Domino" concluderà la serie di incontri della giornata, a seguire (ore 23.00) spazio alla cerimonia di premiazione, alla presenza delle giurie, della quarta edizione del festival.
Dalle 23.15 in poi dj-set a cura di Ennio Ciotta (Trash Against the Machine) e Heartdeath (Fuck Normality Festival) per un lungo party danzante che chiuderà la quarta edizione del Salento Rainbow Film Fest.
 
"Salento Rainbow Film Fest è un progetto in mutamento che segue i cambiamenti sociali a cui assistiamo" dicono gli organizzatori "un festival-non festival, fuori dai circuiti canonici, che esiste per essere cassa di risonanza sulla cultura lgbtqi - lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali - sigla che sta per persone, passioni, amori, tensioni, paure, aspettative, meraviglie, coraggio. È un progetto che mischia il cinema alla musica, alla danza, alla fotografia, all'illustrazione, alla letteratura, al teatro, al divertimento e alla volontà di fare qualcosa che abbia senso".


Il Salento Rainbow Film Fest è realizzato con il patrocinio del Comune di Lecce, Rete Re.a.D.Y. e in collaborazione con numerose realtà:
Festa di Cinema del reale, Yalla Film Fest, Shuffle Screening di TOC-Centre, Manifatture Knos, Big Sur, Officine Culturali Ergot, The Bridge Crane, SEYF - South Europe Youth Forum, Say Yes, Liceo Artistico Ciardo - Pellegrino, Arci Lecce, Festa di Cinema del reale, Io Ci Provo, TOC-Centre, Agedo Lecce, Lila Lecce, LINK Lecce - Coordinamento Universitario, Terra Del Fuoco Mediterranea, Arcigay Salento - La Terra di OZ, Ra.Ne – Rainbow Network, Io Come Te, Casa Delle Donne Lecce, Cineclub Università del Salento, Free Home University,  Yalla Film Fest, Coordinamento Puglia Pride, Arcigay Bari – L’arcobaleno del Levante, Arcigay BAT – Le mine vaganti, Strambopoli Presidio Arcigay Taranto, Hermes Academy, T-Genus, Arcigay Foggia – Le Bigotte, N.U.D.I, Famiglie Arcobaleno, Rete Genitori Rainbow.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Dicembre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di