Passa ai contenuti principali

PASQUA E pasquetta: IL MUSEO CASTROMEDIANO APERTO PER LE FESTIVITA’

La domenica di Pasqua alle ore 9 alle 13.30 e il Lunedì dell’Angelo dalle ore 8.30 alle 19.30 con orario continuato, leccesi e turisti potranno visitare liberamente ed con ingresso gratuito, le collezioni archeologiche e la pinacoteca del più antico museo pugliese.


Istituito nel 1868 dal Consiglio Provinciale di Terra d'Otranto, come detto, è il più antico museo pubblico di Puglia. Dal 1980, ha sede nell'ex collegio Argento dei padri Gesuiti, acquistato dalla Provincia nel 1967 e ristrutturato con progetto museografico dell'architetto Franco Minissi.

Le collezioni archeologiche, che provengono da ritrovamenti fortuiti e scavi programmati a partire dalla seconda metà dell''800 e si sono arricchite con campagne archeologiche finanziate dalla Provincia di Lecce (Rudiae, Rocavecchia, Cavallino, Poggiardo, Alezio), consentono di offrire un panorama organico della civiltà dei Messapi nel Salento.

Acquisti, donazioni e depositi hanno nel tempo arricchito la consistenza del patrimonio storico-artistico del museo, cosicché esso è oggi articolato in varie sezioni: un antiquarium, una sezione preistorica, un percorso topografico, una pinacoteca – organizzata formalmente dopo il 1979 con l'acquisizione della collezione Palmieri -, e una galleria Otto e Novecento dedicata agli artisti salentini.

Con oltre 5.000 mq di sale espositive, il Museo è, inoltre, dotato di due laboratori di restauro per materiali archeologici, litici, lignei e dipinti, una sezione didattica fornita di laboratori, una biblioteca di istituto dedicata all'archeologia ed alla storia dell'arte, una sala conferenze con sistema di videoproiezione e videoconferenza.
Corrado Ficco


Lecce, 30 marzo 2018

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata