Passa ai contenuti principali

Lecce Un esercito di 5mila mutuati «assalta» gli uffici Asl per cambiare il medico

Folla e mugugni allo sportello “Ufficio Anagrafe Assistiti” della Asl in viale Don Minzoni a Lecce. In questi giorni un esercito di cittadini deve effettuare il cambio del medico.
Come mai si sono svegliati tutti insieme? Si tratta di utenti del Distretto socio-sanitario di Lecce curati e assistiti dai dottori Tommaso Borgia, Donato Costa e Giovanni Giordano i quali,
purtroppo, sono deceduti.  E, se non bastasse, nelle ultime settimane si è aggiunto anche il pensionamento di altri 4 medici di famiglia. Per cui, come vuole la prassi, questi mutuati devono operare la scelta del nuovo medico.
Ogni giorno, dalle 8,30 alle 11,30 e nel pomeriggio di giovedì dalle 15,30 alle 16,30 questi capi-famiglia, armati di pazienza, ritirano il numerino e attendono il loro turno anche per due ore. Stessa estenuante attesa anche allo sportello di San Cesario, aperto il martedì e il venerdì dalle 15,15 alle 18.
In queste condizioni gli uffici arrancano e la gente sbuffa. Da tempo, a sbrigare le pratiche, sono soltanto due impiegati i quali, nonostante la loro lunga esperienza, riescono a fare non più di 50 – 60 posizioni ognuno. Circa 100 – 120 al giorno.
Ma non è finita. Fra un paio di settimane, se il Distretto Socio Sanitario non interviene, la situazione potrebbe aggravarsi.  Dal 1° aprile infatti, scatterà il rinnovo dell’esenzione ticket. Ogni anno, circa 10mila disoccupati, devono recarsi allo sportello per confermare che l’esenzione ticket sanitario di cui godono è ancora valida perché non sono venuti meno i requisiti (reddito basso).
Per smaltire le code – dicono gli impiegati – occorrerebbero almeno 4 postazioni e l’apertura anche il martedì pomeriggio. In questo modo si riuscirebbe a fare almeno mille pratiche alla settimana, circa 200 al giorno.
  
fonte salute salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 11 Dicembre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di