Passa ai contenuti principali

L’amore è… un libro per l’Avocad

L’amore è… un libro per l’Avocad. Nasce da un’idea del presidente della consulta dello Sport Tony De Paola – supportato dal consigliere comunale delegato allo Sport Antonio Tondo e dal giornalista Lorenzo Falangone – un’iniziativa solidale che ha come grande ambizione smuovere le coscienze ed aprire dei cuori.
L’amore, appunto, al centro delle nostre vite, dei nostri discorsi, di un progetto di beneficenza. Chiunque potrà aderire ad un’iniziativa che si pone come obiettivo quello di fungere da contenitore di poesie, aforismi, immagini o disegni con tema l’amore, in tutte le sue mille sfaccettature. L’amore raccontato, narrato, idealizzato, fotografato. L’amore inteso come sentimento, amicizia, solidarietà, arte, sport e cultura. A grandi e piccini è richiesto di proporre un proprio pensiero inviando un messaggio alla pagina Facebook “L’amore è” (@lamoreenardo), al numero 340/7874258 (Tony De Paola) o via mail all’indirizzo depaolatoni541@gmail.com.

I contributi verranno pubblicati sulla stessa pagina Facebook e poi raccolti in un libricino che sarà venduto e il cui ricavato sarà interamente devoluto all’Avocad del presidente Giovanni De Razza, l’associazione di volontariato al servizio delle persone con disabilità e delle loro famiglie operante a Nardò. 


Aprite il vostro cuore: un piccolo contributo con un valore immenso. L’amore è… in mezzo a noi.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata