Passa ai contenuti principali

“ IV Giornata mondiale dei difetti congeniti alla nascita”

Si tratta di malformazioni e disabilità cognitive, motorie, sensoriali e genetiche che segnano la famiglia del neonato per tutta la vita.
Si stima che la frequenza dei difetti congeniti nel mondo si aggira attorno al 5 per cento. Vale a dire che un bambino su 20 nasce con una malformazione. In Italia, su 500.000 nati in un anno, circa 25.000 presentano una malformazione, 480 ogni settimana.

I dati sono emersi in occasione della “ IV Giornata mondiale dei difetti congeniti alla nascita”  che si è celebrata sabato 3 marzo 2018, con l'obiettivo di aumentare la consapevolezza dei difetti alla nascita e informare che molti di questi problemi possono essere prevenuti e gestiti. 
Sulla base dei tassi accertati, Salute Salento ha elaborato i dati Istat relativi alla realtà salentina.Nella provincia di Lecce, nel 2016, sono nati 5.647 bambini. Di questi più di 280 presentano difetti.
Nel 2016 il tasso di natalità in provincia di Lecce è sceso a 7 nati ogni 1000 abitanti. Nel 2004 era di 9,4.
Ogni reparto di Ostetricia dei Punti Nascita della Asl di Lecce e delle cliniche private è obbligato a tenere un “Registro dei difetti congeniti” e a segnalare i dati alla Regione.
Anche il Ministero della Salute ha aderito alla promozione della Giornata Mondiale, sostenuta dalla piattaforma "Thunderclap" che ha coinvolto quasi tre milioni di persone in tutto il mondo, unite dal messaggio:   «Aiuta a diffondere la consapevolezza globale per la Giornata mondiale dei difetti alle nascite».
I difetti congeniti rappresentano una delle principali cause di morbilità e mortalità infantile entro il primo anno di vita.
 
Un difetto congenito può essere diagnosticato prima della nascita, alla nascita o anche dopo. In ogni caso un trattamento e una cura appropriati possono aiutare a raggiungere il pieno potenziale nella vita.
Fonte: Ministero della Salute
  

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata