Passa ai contenuti principali

Il venerdì del signor robinson

Prosegue con successo a Lequile l’appuntamento mensile de “I venerdì del signor Robinson”.  Una rassegna, organizzata dalla cooperativa culturale 29nove di Gabriele Polimeno e Mary Negro,  il cui intento è di far conoscere al pubblico ancora meglio scrittori e poeti di ieri e, al tempo stesso, presentare le opere di nuovi autori.

Un viaggio nella cultura a firma di alcune voci narranti del territorio chiamate, di volta in volta, ad elevare gli autori.

In questo terzo appuntamento, in programma venerdì 23 marzo a partire dalle ore 17.30 presso la Biblioteca Comunale, spazio alla Poesia. 
Liriche come quelle di Alda Merini che, per l’occasione, saranno declamate dall’editore Piero Manni la cui casa editrice ha pubblicato diverse opere della grande Poetessa. Inoltre, sono previsti i contributi di Marcello Buttazzo, poeta lequilese, e a chiudere l’incontro Enzo Marenaci che si esibirà con un celebre brano di Fabrizio De André.

Un ciclo di conversazioni letterarie che Antonio Spedicato, assessore alla Cultura del Comune di Lequile, così racchiude: <


I venerdì del signor Robinson”
Venerdì 23 marzo, Biblioteca Comunale: spazio alla Poesia.
piazza San Francesco, Lequile
ore 17.30. Ingresso gratuito.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata