Passa ai contenuti principali

“I venerdì del signor Robinson”

È giunto solo al terzo appuntamento ma ormai sul calendario di molte famiglie l’incontro culturale de “I venerdì del signor Robinson” è segnato coni il cerchietto.

In tanti, infatti, anche questa volta si sono incontrati nella biblioteca comunale di Lequile per ascoltare e dare il proprio contributo sul tema prescelto del mese: la Poesia.


E così lo scorso 23 marzo gruppi di studenti, cittadini e migranti hanno rafforzato il proprio legame, il proprio sapere.
Lettura dopo lettura (partendo dai ragazzi di Lequile per poi fare un salto in Kurdistan, Africa e ritornare in Italia con Alda Merini, Fabrizio De Andrè ed infine atterrare con il poeta contemporaneo lequilese Marcello Bottazzo), il viaggio nella Poesia de “I venerdì del signor Robinson” ha abbracciato tutti.

Un successo inaspettato che Antonio Spedicato, assessore alla Cultura del Comune di Lequile, così racchiude: “Non ci sono parole per descrivere quanto di bello sta accadendo. Una biblioteca, recuperata grazie al contributo di alcuni cittadini in pensione, che oggi con l’aiuto di più persone ed organizzazioni, in primis la Cooperativa culturale 29nove e l’Arci di Lecce, è fulcro di ritrovate emozioni. Pertanto in un'epoca in cui i potenti del mondo sembrano impegnati ad alzare barriere, qui da Lequile vogliamo lanciare un messaggio di speranza e fratellanza grazie alla Cultura”.




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata