Passa ai contenuti principali

Giornata mondiale delle foreste

Oggi la Giornata Mondiale delle Foreste. Con 18mila alberi la città di Lecce si allinea alla media nazionale. 


Oggi, 21 marzo, l’Onu ha voluto celebrare la “Giornata mondiale delle Foreste”. Per le Nazioni unite il tema di quest’anno è «il Verde in città» .
Un «polmone verde» che, dopo la progressiva distruzione e scomparsa di enormi foreste nel mondo, tutte le grandi città stanno cercando di incrementare al loro interno. I benefici sono innegabili e sotto gli occhi di tutti. La presenza di alberi in città consente di ripulire l’aria dalle polveri sottili e di mitigare l’effetto delle alte temperature in estate e delle ondate di calore sempre più frequenti.
In base alla classifica annuale di Legambiente sull’Ecosistema Urbano 2017, la città di Lecce, per numero di alberi, si posiziona al 23° posto su 103 capoluoghi.
La presenza di alberi in area urbana è un indicatore che l’associazione ambientalista ha inserito per la 1^ volta quest’anno.
C’è tuttavia da sottolineare che soltanto 62 capoluoghi di provincia hanno fornito i dati. Molti invece, (circa 40) non sono stati in grado di rispondere, nonostante l’obbligo, in capo a tutti i comuni sopra i 15mila, previsto dalla legge n.10 del 2013.
La media nazionale, nelle altre città, è di 18 alberi ogni 100 abitanti. Solo 6 città hanno dichiarato una dotazione superiore a 30 alberi per 100 abitanti. Nell’ordine di classifica:  Brescia, Modena, Arezzo, Rimini, Mantova, Bologna.
 In Puglia soltanto Lecce ha fornito i dati richiesti.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata