Passa ai contenuti principali

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di
strada più interessanti in tutto il mondo per l’Huffington Post Stati Uniti. Le sue opere sono state esposte in festival nazionali e internazionali e le istituzioni d’arte, come la Biennale d’Arte di Venezia con il suo progetto “Diventare Marni”, Venezia (2015), la Bien Urbain Festival, Besançon (2014), Artmossphere, Biennale di Street Art , Mosca (2014), La Tour Paris 13 Progetto, Parigi (2013), Le 4 mur Festival, Niort (2012).
Ispirato dalla sua terra natale, Tellas trasforma i duri paesaggi della Sardegna in opere poetiche. Egli crea modelli organici astratti caratterizzati da un’estetica sofisticata e una meticolosa attenzione ai dettagli. Giustapponendo la sua opera direttamente nel contesto urbano, Tellas riflette sui legami tra uomo e natura e le dinamiche complesse che ci fondono in un unico sistema.




Per Clima Estremo, Tellas introduce una nuova serie di opere legate a quegli eventi meteorologici estremi attribuiti al riscaldamento globale indotto dall’uomo. La crescente minaccia di tali eventi gravi, imprevedibili e insoliti è considerato da molti scienziati un fattore chiave per lo studio dei cambiamenti climatici. Il clima estremo, una volta considerato un problema per un futuro lontano, si è spostato con forza nel nostro presente, diventando una delle principali sfide per la società contemporanea. Lamostra personale Tellas è un percorso artistico che risponde alla necessità di tornare a una connessione più intima con la natura.Attraverso gesti convulsi e ictus febbrili, Tellas si vuole inizialmente sentire come un fattore esterno rispetto alla natura. Una natura che può essere violenta, spaventosa, che non è sotto il nostro controllo. Tuttavia, le sue opere d’arte in seguito ci invitano a stabilire un nuovo riavvicinamento a una natura che è davvero confortante e salvatrice e che abbraccia e pervade tutto il genere umano verso un futuro armonioso equilibrio.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata