Passa ai contenuti principali

“Corso di autodifesa” riservato ai Medici

Al via presso l’Ordine dei Medici di Lecce un “Corso di autodifesa” riservato ai Medici e soprattutto
ai quelli con posizioni lavorative più a rischio. Il corso è gratuito e si svolgerà a Lecce nella sala
convegni dell'Ordine a partire dal 18 aprile 2018.
Organizzato dalla Commissione Pari opportunità dell’OMCEO di Lecce, coordinata dalla dott.ssa
Daniela Fusco, il corso si articola in 6 lezioni a cadenza settimanale, della durata di 2 ore circa.

Ovviamente, il corso non vuole essere l'unica risposta alle problematiche della sicurezza sul posto di
lavoro, ma solo un utile strumento per imparare a gestire situazioni di pericolo ed eventualmente
cogliere le opportunità per mettersi in sicurezza.
Le lezioni saranno tenute dal Maestro Emanuele Fracella, Dai Si Fu (Gran Maestro) di Wing Tsun
una disciplina di difesa istintiva, coadiuvato dall’Istruttore Marino Pensa e da altri collaboratori.
Introdurrà il corso la psicopedagogista Moira Fusco, esperta in violenza sulle donne, già docente di
psicologia e comunicazione. Le conclusioni saranno affidate alla dott.ssa Alessandra Meo, dirigente
della Questura di Lecce, che metterà a disposizione la sua esperienza in materia di rischi e di violenza.
Questa prima edizione è riservata a 20 medici iscritti all’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Lecce.
Qualora dovessero pervenire ulteriori richieste di iscrizioni l’ordine ha già previsto di replicare il
corso anche in altre Sedi. Per iscriversi basta inviare via mail i propri dati personali, compresi della
posizione lavorativa, all’indirizzo info@ordinemedicilecce.it Ulteriori informazioni sono reperibili
sul sito dell’Ordine.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata