Passa ai contenuti principali

BARI FOCUS GROUP SU AGRICOLTURA SOCIALE CON IMPRESE

Il Consiglio regionale della Puglia, martedì scorso 13 marzo, ha approvato la legge sull’agricoltura sociale, un provvedimento alla cui stesura Coldiretti Puglia ha collaborato e che potrà far sviluppare un nuovo modello di welfare, con l’agricoltura protagonista di progetti imprenditoriali dedicati esplicitamente ai soggetti più vulnerabili che devono fare i conti con la cronica carenza dei servizi alla persona, utili all’inserimento socio-lavorativo di soggetti svantaggiati, disabili e minori in età lavorativa,
inseriti in progetti di riabilitazione sociale mediante le risorse materiali e immateriali dell’agricoltura, attraverso le opportunità della multifunzionalità e il grande spirito innovativo e di inclusione sociale dimostrato anche dai giovani imprenditori agricoli.

Per approfondire i contenuti e l’applicabilità della legge, Coldiretti Puglia organizza il focus group, domani lunedì 26 marzo 2018, alle ore 9,30, presso il salone della Federazione Regionale a Bari (Via Amendola 205/3), a cui parteciperà il primo firmatario della legge nella massima assise regionale, Domenico Damascelli, i rappresentanti dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, delle associazioni e delle cooperative sociali di UeCoop che potranno avvalersi del mondo agricolo per creare questo nuovo modello di welfare.



Bari, 25 marzo 2018

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata