Passa ai contenuti principali

MUSEO NAVIGANTE, A NARDÒ L’EQUIPAGGIO DELLA GOLETTA OLOFERNE

Il comandante della goletta Oloferne Marco Tibiletti e i membri dell’equipaggio Gianpietro Sara, Pierluigi Balduzzi e Leandro Bernardini hanno fatto visita al Museo del Mare Antico e all’Acquario del Salento, invitati dall’assessore all’Ambiente e ai Musei Mino Natalizio e accompagnati dai responsabili di Fluxus cooperativa (che gestisce l’Acquario).
La storica goletta è approdata nei giorni scorsi a Gallipoli e rappresenta il Museo Navigante, iniziativa di promozione del patrimonio culturale marinaro promossa dal Mu.MA-Galata di Genova, dal Museo della Marineria di Cesenatico, dall’associazione La Nave di Carta della Spezia e dall’AMMM-Associazione Musei marittimi del Mediterraneo, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e l’adesione della Marina Militare e della Guardia Costiera. L’obiettivo è quello di far scoprire e promuovere il patrimonio marinaro, materiale e immateriale: barche, reperti, cimeli ma anche memorie di lavoro, di migrazioni, di comunità che di mare hanno vissuto e vivono. Un modo per rivendicare l’identità marinara dell’Italia, i cui confini sono delimitati da ottomila chilometri di coste e tradizione marittima millenaria. La Marina Militare ha voluto esporre a bordo della goletta importanti cimeli e rara documentazione sulle operazioni navali della Grande Guerra in Adriatico, nell’ambito delle attività commemorative del centenario della stessa guerra.
Tra i settanta musei italiani che aderiscono all’iniziativa ci sono proprio i due attrattori neretini. Il Museo del Mare Antico, inaugurato lo scorso 30 dicembre, ospita importanti reperti di età romana, provenienti da indagini archeologiche effettuate negli anni nel mare e lungo la costa di Nardò (tra cui il carico e la dotazione di bordo del relitto della nave romana ritrovata al largo di Punta dell’Aspide) e svolge attività di restauro, studio e ricerca sui reperti. L’Acquario del Salento invece ospita esemplari della variegata fauna ittica locale e una serie di ricostruzioni dei relitti inabissati al largo della costa jonica del Salento.
I musei hanno un “porto” nel sito web (www.museonavigante.it) dove sono consultabili, regione per regione, le schede informative e dove sono raccolte molte notizie sui tesori e sulle memorie che custodiscono. La visita dell’equipaggio della Oloferne a Nardò, oltre a far conoscere i due attrattori, è servita anche a rafforzare il canale di comunicazione e di scambio con il Museo Navigante e il suo circuito, che sta completando la mappatura dei musei. Il comandante Tibiletti e gli altri hanno molto apprezzato il Museo del Mare Antico e l’Acquario del Salento di Nardò, sia per l’aspetto contenutistico che organizzativo.
Il mare - dice l’assessore all’Ambiente e ai Musei Mino Natalizio - è un pezzo della nostra identità e abbiamo il dovere di fare tutto quello che serve per difenderla e valorizzarla. Questa iniziativa è prestigiosa e ci consente di fare rete con una settantina di altri attrattori italiani, che costituiscono un panorama molto ricco e variegato, con un inevitabile ritorno in termini di scambio di buone prassi, visibilità e conoscenze”.
Ufficio stampa






Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Giugno 2018

Galatina montato il puntello blocca auto all'entrata della Porta Luce

Montato un puntello blocca auto all'ingresso della Porta Luce,si aziona tramite un telecomando lo possono azionare i vigili urbani significa che e' elettrico ed e' luminoso, la parte superiore ci sono dei led di colore arancione per essere visibile che c'e' l'ostacolo questo sistema e' adottato anche alle grandi citta' e specialmente per salvaguardare i centri storici.