Passa ai contenuti principali

IL CUN APPROVA I NUOVI CORSI DI LAUREA UNISALENTO

Procede spedito l’iter di approvazione dei nuovi corsi di laurea con cui l’Università del Salento intende arricchire l’Offerta Formativa dal prossimo anno accademico 2018/19. Dopo aver incassato a gennaio scorso il parere unanime favorevole del CURC (Comitato Universitario Regionale di Coordinamento) della Puglia i quattro percorsi di studio ottengono anche l’approvazione definitiva del CUN (Consiglio universitario nazionale). Ora l’iter prevede la valutazione da parte dell’ANVUR. Il risultato finale, che si concretizzerà nell’accreditamento dei nuovi corsi di studio da parte del MIUR, dovrebbe giungere tra maggio e giugno prossimi.


“è stato compiuto un importante passo in avanti nell’iter di approvazione dei nuovi corsi di studio – ha commentato il rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara. - Il parere favorevole del CUN ai nuovi ordinamenti didattici sancisce la qualità dei nuovi percorsi formativi proposti dal nostro Ateneo a vantaggio degli studenti e delle famiglie del nostro territorio e non solo. Siamo orgogliosi di questo ulteriore risultato che ci pone di fronte a nuove responsabilità e sfide”.

I nuovi corsi di laurea:

L-9 - Ingegneria industriale
- Ingegneria delle Tecnologie Industriali
È un corso di laurea triennale professionalizzante con l’obiettivo di formare laureati triennali che possano trovare occupazione immediatamente dopo il conseguimento del titolo di studio. Risponde alla richiesta specifica proveniente dal Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali laureati per la formazione della figura professionale di Perito laureato, prevista dalla legislazione vigente, al fine dell’iscrizione agli albi dei periti laureati.

L-18 - Scienze dell'economia e della gestione aziendale
- Management Digitale
Il nuovo corso di laurea triennale si propone di formare profili professionali che esprimono competenze manageriali legate alle ICT (Information and Communication Technology) nei settori industriali e nelle pubbliche amministrazioni. Intende fornire al mercato del lavoro nuove competenze e professionalità manageriali di natura trasversale che, riqualificando ed innovando le conoscenze manageriali ‘tradizionali di base’, diventino specializzate ed esperte nell'utilizzo e nel management dell’innovazione digitale nell’ambito delle aziende private e pubbliche.

L-22 - Scienze delle attività motorie e sportive
- Scienze Motorie e dello Sport
In piena collaborazione con l’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, il nuovo corso di laurea triennale si basa proprio sulle rispettive competenze presenti nelle due Università con l’obiettivo di formare professionisti delle attività motorie e sportive.

LM-90 - Studi europei
- Governance euro-mediterranea delle politiche migratorie
Risponde all’urgenza di nuove figure professionali in grado di cogliere e conseguentemente di gestire le nuove strategie di governance finalizzate a realizzare società inclusive, consapevolmente interetniche e interculturali. Si propone di offrire una laurea magistrale, multi e interdisciplinare, capace di coagulare intorno al tema della governance euro-mediterranea delle politiche migratorie insegnamenti dal taglio giuridico, economico, politico-sociale e storico.


Lecce, 26 febbraio 2018


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata