Passa ai contenuti principali

LA NOTTE BIANCA AL LICEO CLASSICO RITA LEVI MONTALCINI DI CASARANO

Appuntamento da non perdere a Casarano, venerdì 12 gennaio, con “La notte Nazionale del Liceo Classico”. L’iniziativa, sostenuta dal MIUR, nasce da un’idea del prof. Rocco Schembra, docente di Latino e Greco al Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT) con l’obiettivo di promuovere la cultura classica attraverso varie attività motivanti. Dopo il successo degli anni scorsi, è giunta ormai alla sua quarta edizione e coinvolge oltre quattrocento scuole in tutta Italia.

Dalle 18 alle 24 presso il Liceo Classico “Rita Levi Montalcini” di via Ruffano s’intrecceranno tra loro arti, idee, sapori, suoni, profumi e tutto ciò che può deliziare i cinque sensi. Prenderà il via una kermesse originale di poesia, teatro, musica e gusto, che coinvolgerà studenti, professori e chiunque vorrà partecipare a una notte magica. La Notte Bianca si aprirà con il brano inedito “Metamorfosi” del cantautore Francesco Rainero, ex studente del Liceo Classico “Galilei” di Firenze, dedicato proprio all’evento, per poi proseguire con un fitto programma, che comprende incontri, dibattiti (da Aracne alle tarantolate), concerti, maratone di lettura, mostre fotografiche, incontri con gli autori (Elisa Ferramosca ”Quando danzano i papaveri”), spettacoli musicali e di danza (Sirtaki, Pizzica..), degustazioni a tema ispirate al mondo antico. Non mancheranno le performance teatrali, come la commedia di Aristofane, ”Ecclesiazouse”- Donne al Parlamento, proposta da un gruppo di alunni, diretto dal regista Alfredo Rizzo. La Notte del Liceo Classico è più che una festa. È principalmente un modo alternativo e innovativo di fare scuola, puntando su una formazione di natura diversa, che si affianca a quella tradizionale per essere ancora più proficua e produttiva. Obiettivo principale è la promozione e la difesa del valore formativo della cultura classica, delle nostre radici più autentiche, della tradizione che, secondo la massima di Gustav Mahler “è la salvaguardia del fuoco, non l’adorazione delle ceneri”. Il Liceo Classico ha un curriculo sempre attuale e pieno di vitalità ed è popolato da studenti motivati, ricchi di grandi talenti e con abilità e competenze che oltrepassano di gran lunga quelle richieste a scuola, ma che su di esse di innestano e si fondono.


L’I.I.S. “Rita Levi Montalcini”, nato nel 1996 dall’accorpamento del Liceo Ginnasio Dante Alighieri e dell’Istituto Magistrale, è una scuola moderna e al passo con i tempi, costituita dai principali licei cittadini: Classico, Linguistico, Scienze Umane e Socio Economico, che hanno formato gran parte dei professionisti del territorio. Offre una vasta formazione in campo umanistico, ma anche scientifico; favorisce la crescita intellettuale degli studenti, grazie a numerose attività curricolari ed extracurricolari. Corsi di lingua, eventi culturali, presentazioni di libri, laboratori di scrittura, certamina di latino e greco (competizioni internazionali, alle quali gli alunni del Liceo hanno sempre ottenuto ottimi risultati), rappresentazioni teatrali, attività sportive pomeridiane, conferenze su politica e relazioni internazionali, stages e scambi all’estero, sportelli didattici. www.iisritalevimontalcini.gov.it

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata