Passa ai contenuti principali

Il Barolo di Monforte

“Monforte – La forza del Barolo”: con questo appuntamento all’insegna dell’enologia italiana d’eccellenza riprendono gli incontri firmati Associazione Italiana Sommelier di Lecce, delegazione guidata da Amedeo Pasquino.
Appuntamento domenica 14 gennaio alle 19, presso il Grand Hotel Tiziano di Lecce, con una degustazione durante la quale il presidente di AIS Piemonte Fabio Gallo guiderà i partecipanti alla scoperta di uno dei cento volti della denominazione più importante d’Italia.

IBarolo di Monforte d’Alba è infatti, tra gli undici comuni del Barolo, quello che esprime maggiormente i caratteri di prestanza e vigore dell’intero comprensorio. Durante la serata, quindi, ci saranno in degustazione otto etichette personalmente selezionate da Fabio Gallo:

1.     Barolo Bussia 2012 Fenocchio
2.     Barolo Castelletto 2011 Mauro Veglio 
3.     Barolo Sorì Ginestra 2009 Conterno Fantino
4.     Barolo Ravera di Monforte 2008 Principiano
5.     Barolo Gavarini Chiniera 2007 Elio Grasso
6.     Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2006 Clerico 
7.     Barolo Bussia Vigneto Bofani 2006 Batasiolo
8.     Barolo Vigna Cappella Santo Stefano 2004 Poderi Rocche dei Manzoni
Il wine-tasting si concluderà con l’abbinamento dei vini in degustazione ai prodotti del Salumificio Mocavero  di Monteroni di Lecce.  Gli interessati possono rivolgersi Giovanni Bruno (responsabile eventi AIS Lecce) inviando e-mail a avvgiovannibruno1963@gmail.com oppure un sms all’utenza 347.4847606, attendendo riscontro.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata