Passa ai contenuti principali

Grande festa a Cutrofiano per celebrare l’ingresso nel circuito nazionale delle «Città della ceramica»

CUTROFIANO – Grande festa a Cutrofiano per celebrare l’ingresso nel circuito nazionale delle «Città della ceramica». L’appuntamento è per domenica 7 gennaio, alle ore 10:30, nella chiesa «Congrega dell’Immacolata», dove sono esposti manufatti unici della mostra nazionale itinerante «Grand tour - Alla scoperta della ceramica classica italiana», organizzata dall’Associazione italiana città della ceramica (AiCC).

Saranno presenti il viceministro allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova, e il presidente della Provincia, Antonio Gabellone.
Ad accoglierli Oriele Rolli e Tommaso Campa, rispettivamente sindaco ed assessore alle Attività produttive del Comune di Cutrofiano.
In tutta Italia sono appena 40 i Comuni che possono fregiarsi del marchio (in Puglia solo Grottaglie e Laterza e ora anche Cutrofiano).
La mostra «Grand tour», è composta, principalmente, da vere e proprie riedizioni di pezzi storici o produzioni ispirate al gusto tradizionale, da oggetti di uso comune ed altri puramente decorativi. Dall’età arcaica al tardo Medioevo, dal Rinascimento al Settecento, dal Neoclassico al Liberty e al Decò, fino al recente influsso del design, l’Italia viene raccontata da ceramiche dalle forme e dai segni più diversi: a volte è il decoro a prevalere, altre volte è la figura, graffita o dipinta, e altre ancora la plastica, eseguita a mano libera o realizzata con la tecnica dello stampo. Trovano spazio anche le opere dei ceramisti cutrofianesi. La Congrega dell’Immacolata, eretta nel XVIII secolo, è di forma ottagonale ed è un importante «contenitore» culturale ovvero uno «scrigno» rococò con tele di gran pregio.


L’Ufficio Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Dicembre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di