Passa ai contenuti principali

TAP, DONNO: CHIAREZZA SU COSTI DISPIEGAMENTO FORZA PUBBLICA

Roma, 6.12.2017 - "Mentre i territori tra Melendugno, San Foca e Lecce sono letteralmente ostaggio delle multinazionali e piovono gli esposti dei proprietari dei terreni invasi dalla TAP, l'azione di pressing del M5S non cessa, per questo ho presentato un'interrogazione indirizzata ai Ministri dell'Interno e dello Sviluppo Economico" così afferma la senatrice salentina Daniela Donno (M5S).

"Vogliamo andare a fondo sui costi sostenuti e su quelli programmati in riferimento alla politica di sicurezza e di difesa adottata in questi giorni sul cantiere TAP e sulle aree limitrofe. Un terrorismo psicologico e materiale sulla cittadinanza, con tanto di assetti antisommossa e zona rossa realizzata a protezione del cantiere, cinturata con barriere antisfondamento sormontate dal filo spinato a lama piatta" prosegue Donno.
"Questo innaturale e sproporzionato dispiegamento di uomini non solo sta comprimendo i diritti e le libertà dei singoli cittadini, ma avrà anche pesanti effetti in termini di costi. Il Governo tiri fuori tutte le cifre di questo assurdo piano di militarizzazione e dia conto di come vengono spese le risorse pubbliche" insiste la pentastellata.
"Intanto, oggi, tantissimi operatori commerciali hanno tenuto chiusi i loro esercizi, manifestando la propria contrarietà alla realizzazione di questa opera inutile. A loro e a tutta la cittadinanza che pacificamente continua ad opporsi, va la mia solidarietà ed il continuo appoggio" conclude Donno.
Link interrogazione:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=1058248

Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa