Passa ai contenuti principali

Workshop “E.D.MO.N

Si terrà il 27 e 28 novembre al Museo-Storico Archaeologico (MUSA) dell’Università del Salento a Lecce (via di Valesio) il workshop “E.D.MO.N- Environmental Constrains and the Dispersal of the MOdern HumaN in Eurasia between 45,000 and 20,000 years ago”.

L’appuntamento è parte delle attività di cooperazione scientifica tra il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento (Italia) e il Weizmann Institute of Science (Israele) previste dal progetto E.M.HI.LE., che è sponsorizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e dall’Israel-Europe R&D Directorate (ISERD).


Il workshop rappresenta l’occasione per preistorici, antropologi, bio-archeologi e scienziati di fama internazionale, di confrontarsi sul tema delle migrazioni del nostro antenato (Homo sapiens) e della conseguente scomparsa dell’uomo di Neanderthal in Eurasia. Il dibattito si focalizzerà su tre aspetti interrelati, quali cultura, ambiente e clima, e si propone di rilevare delle interconnessioni tra migrazioni, cambiamenti di tecnologia materiale e adattamento a nuovi ambienti naturali.
L’obiettivo è quello di studiare i movimenti di genti in rapporto alle variazioni climatiche di larga scala associate alla fine dell’ultima glaciazione e di proporre una chiave di lettura ambientale per comprendere le migrazioni delle genti moderne.

Informazioni al link: http://conference.unisalento.it/ocs/index.php/edmon/edmon2017


Informazioni per la stampa: Valentina Caracuta, PhD RTD-A, Laboratorio di archeobotanica e paleoecologia dell’Università del Salento; valentina.caracuta@unisalento.it;

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata