Passa ai contenuti principali

VISITA ALLA COLACEM GALATINA: I GIORNALISTI CI SONO, I RAPPRESENTANTI DEI MEDICI NO

31 ottobre 2017 – Nei giorni scorsi Colacem ha organizzato due visite allo stabilimento di Galatina. La prima con i giornalisti salentini, i quali sono venuti, hanno posto domande, hanno potuto vedere dall’interno l’impianto produttivo e le sue caratteristiche. La seconda invitando i rappresentanti di alcune sigle di medici, autori di una lettera che tratta il riesame AIA dello stabilimento, i quali hanno deciso di annullare la visita con una telefonata tre ore prima, dopo aver dato iniziale
conferma. Colacem rimane disponibile a mostrare come opera un’eccellenza dell’industria italiana e non solo nel settore cementiero. Lo stabilimento Colacem di Galatina lo è per la tecnologia utilizzata, per la massima attenzione alla sostenibilità ambientale e alla salute dei lavoratori, per la professionalità, serietà ed etica della propria organizzazione; lo è anche per l’estrema cura del verde visibile nell’area dell’impianto. Alberi che sono “sempre verdi”, a testimoniare un controllo delle polveri puntualissimo quantificato da centraline on-line certificate. Non si mette assolutamente in dubbio che i medici debbano interessarsi alla salute delle persone. Tuttavia, le regole che stanno alla base della gestione di un impianto industriale sono responsabilità delle istituzioni pubbliche competenti, che sarebbe estremamente dannoso e pericoloso delegittimare. Argomenti come la definizione della base combustibile, l’utilizzo di materie prime secondarie o modifiche impiantistiche, non sono certamente competenza dei medici. Le soluzioni tecniche suggerite nella citata lettera contrastano in modo evidente con le migliori pratiche implementate nei paesi europei più attenti e sensibili all’ambiente. Ad esempio, nelle successive tabelle si potrà facilmente verificare come il gas naturale non sia assolutamente utilizzato come combustibile per la produzione di cemento in nessun paese europeo e come l’Italia sia in forte ritardo nel recupero energetico da rifiuti. Colacem è un’azienda aperta al confronto, alla discussione, ma su basi serie, ragionevoli, e come sempre nel pieno rispetto delle normative vigenti. Combustibile fossile usato (dati 2014) GERMANIA AUSTRIA FRANCIA ITALIA EU-28 Coal + anthracite + waste coal (%) 31,5 24,6 32,3 2,6 30,4 Petcoke (%) 11,8 36,9 61,1 93,5 59,6 (ultra) Heavy fuel (%) 0,6 2,2 2,3 2,2 1,1 Diesel oil (%) 0,5 1,4 0,6 0 0,3 Natural gas (%) 0,1 1,2 1,5 0,4 0,4 Shale (%) 0 0 0 1,3 1 Lignite (%) 55,5 33,7 2,2 0 7,3 Fonte: Cement Sustainability Initiative (CSI) - World Business Council for Sustainable Developement (WBCSD) La tabella evidenzia come in tutti i paesi europei, tra i vari combustibili di origine fossile impiegati nei forni da cemento, il metano (natural gas) sia utilizzato in percentuali assolutamente minime e solo per l’accensione dei forni. La tabella successiva evidenzia invece come le cementerie dei paesi europei più virtuosi si impegnino per ridurre le emissioni di CO2, sostituendo i combustibili fossili con quelli alternativi e recuperati da rifiuti non pericolosi. L’Italia è tristemente in fondo a questa particolare classifica.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Giugno 2018

Galatina montato il puntello blocca auto all'entrata della Porta Luce

Montato un puntello blocca auto all'ingresso della Porta Luce,si aziona tramite un telecomando lo possono azionare i vigili urbani significa che e' elettrico ed e' luminoso, la parte superiore ci sono dei led di colore arancione per essere visibile che c'e' l'ostacolo questo sistema e' adottato anche alle grandi citta' e specialmente per salvaguardare i centri storici.