Passa ai contenuti principali

Università del Salento terranno 19 lezioni ad ingresso libero per la cittadinanza

Dopo il grande successo della prima edizione torna “Aule aperte” l’iniziativa organizzata dalla Facoltà di Scienze della Formazione, Politiche e Sociali dell’Università del Salento che vuole far conoscere al territorio la varietà e la qualità della didattica dei corsi dell’Ateneo.
Dal 27 novembre al 7 dicembre gli studenti delle scuole superiori e la cittadinanza potranno assistere a specifiche lezioni universitarie nei più svariati ambiti del sapere. Psicologia, politica, sociologia, diritto,
pedagogia, economia sono solo alcune delle materie che verranno affrontate nelle 19 lezioni in programma.
““Aule aperte” è un’iniziativa che intende presentare l’Università come uno spazio accessibile ed aperto a tutti – spiega Mariano Longo, preside di Facoltà e promotore del progetto. - In un periodo di crisi complessiva dell’Università italiana, “Aule Aperte” vuole essere un piccolo tentativo per mostrare a un pubblico di non specialisti la profondità e la competenza dei nostri colleghi, la ricchezza dei loro interessi e l’utilità del sapere che si produce con lo studio e la ricerca”.


https://www.studiarealecce.unisalento.it/22/-/news/viewDettaglio/64113606/25126753.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata