Passa ai contenuti principali

TAP, GIORNALISTA CONTUSO: DONNO (M5S) IMPORTANTE EVITARE I CONTRASTI

Roma, 2.11.2017 -"Dispiace venire a sapere che un giornalista è rimasto contuso nelle campagne interessate dal tracciato TAP, dove stanno avvenendo le operazioni di capitozzatura degli ulivi. La protesta dei cittadini è, e deve rimanere, pacifica. Per questo è fondamentale limitare ogni possibile episodio di tensione" lo afferma la senatrice pugliese del M5s Daniela Donno, Vice Presidente della
Commissione Diritti Umani."Il territorio salentino sta subendo le conseguenze di una politica industriale scellerata e invasiva, che non rispetta le campagne, gli uliveti, e oltre al danno economico per gli agricoltori deturpa anche la costa, che rischia di perdere ogni attrattiva turistica. Si tratta, e non ci stancheremo mai di dirlo, di un'opera inutile e dannosa, che non porterà nessun vantaggio per il territorio. Dunque, è comprensibile che gli animi siano accesi. In tutto questo, però - insiste la pentastellata - qualsiasi forma di violenza e da chiunque provenga, è inammissibile, eventuali momenti di contrasto devono trovare immediata composizione, proprio per evitare spiacevoli conseguenze".
 
Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica
 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 25 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa