Passa ai contenuti principali

TAP, DONNO (M5S): ARPA E REGIONE PUGLIA ESCLUSE DAL CONTROLLO PRESCRIZIONI, I MINISTRI DEVONO SPIEGARE

Roma, 17.11.2017 - "Ora i Ministri devono spiegare perché Arpa e Regione Puglia sono state estromesse dal controllo di ben 11 prescrizioni riguardanti l'iter di TAP. Non ci stiamo a questo gioco delle tre carte che va avanti da quando questa scellerata opera è stata messa nero su bianco" così in una nota la Senatrice salentina Daniela Donno (M5S), Vice Presidente della Commissione Diritti Umani e prima firmataria di un'interrogazione sul tema indirizzata ai dicasteri dell'Ambiente e dello Sviluppo economico.

"Chissà perché, poi, le verifiche sottratte riguardano proprio i settori più ad alto rischio, e cioè, tanto per dirne qualcuno, quelli riguardanti l'impatto paesaggistico, le interferenze del metanodotto con gli habitat naturali, il progetto di monitoraggio ambientale, la sismicità e i rischi di incidenti - prosegue - Che sia questo un modo per aggirare degli ostacoli che, altrimenti, sarebbero stati insormontabili?"
"A questo punto, la maschera va calata, per questo vogliamo andare a fondo anche sulle modalità istruttorie, le relative tempistiche e l'attuale stato di esecuzione delle verifiche - prosegue - Chiediamo una ricostruzione univoca, anche per il tramite delle competenti autorità giudiziarie. Le regole non si cambiano solo perché vanno a sfavore, i Ministri rispondano".


Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica
 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata