Passa ai contenuti principali

SGM SCADONO IL 31 DICEMBRE 2017 I PERMESSI GRATUITI PER LA SOSTA NELLE AREE TARIFFATE

Sgm ricorda che i permessi gratuiti per la sosta nelle aree tariffate rilasciati per il 2017 scadono il 31 dicembre; gli aventi diritto possono richiederne il rinnovo, per l’anno 2018, entro il 30 dicembre per non esporsi al rischio di contravvenzione.
Da quest’anno, Sgm consente la compilazione della domanda anche online. Sarà sufficiente, infatti, accedere all’area “Servizi/Sosta tariffata/Agevolazioni per i residenti/Domanda online agevolazione residenti” del sito www.smlecce.it, compilare e inviare il modulo telematicamente.
Una notifica via email confermerà il buon esito dell’operazione e consentirà di stampare la richiesta appena inoltrata. Dopo tre giorni lavorativi il cittadino potrà recarsi al City Terminal per ritirare quanto richiesto.
Chi invece volesse utilizzare il metodo tradizionale, può presentare la domanda cartacea presso il City Terminal di Viale Porta d’Europa, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30. In questo caso, l’istanza di rinnovo dovrà essere formulata utilizzando la modulistica messa a disposizione presso lo stesso City Terminal e sul sito www.sgmlecce.it.
Sgm rammenta che la vetrofania presente sul parabrezza non dovrà essere rimossa, ma sarà sufficiente sostituire il bollino di convalida dell’anno in corso.

22 NOVEMBRE 2017


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata