Passa ai contenuti principali

Puglia e Grande guerra. 

Il 22 novembre alle 9, nell’aula 3 - B2/B3 di Studium 2000, edificio 6, a Lecce (via di Valesio) nell’ambito degli insegnamenti di
Storia contemporanea dei docenti dell’Università del Salento Anna Lucia Denitto e Carmelo Pasimeni, si terrà la presentazione del volume “Puglia e Grande guerra. Tra dimensione adriatica e fronte interno: fonti e ricerche”, a cura di Francesco Altamura edito da Besa (2017).
Il volume collettaneo è frutto di ricerche svolte nell’ambito del progetto “Puglia 14-18”, selezionato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per le iniziative sul centenario del primo conflitto bellico mondiale. Obiettivo del progetto è ricostruire il ruolo della Puglia nella guerra e le trasformazioni da cui fu investita, affiancando alla ricerca una proposta culturale articolata in giornate di studio, incontri seminariali rivolti agli universitari, momenti di formazione destinati al personale docente e didattica laboratoriale indirizzata agli studenti delle scuole secondarie.
Principale promotore del progetto è la Fondazione Gramsci di Puglia, con la collaborazione, tra gli altri, del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento e del Dipartimento di Filosofia, Letteratura, Storia e Scienze Sociali dell’Università degli studi di Bari.

I lavori saranno introdotti da Anna Lucia Denitto e Luigi Masella ordinario di Storia contemporanea all’Università degli studi di Bari, seguirà la presentazione del volume a cura di Maria Marcella Rizzo ordinario di Storia contemporanea all’Università del Salento. È previsto inoltre l’intervento degli autori dei saggi: Francesco Altamura, Daria De Donno, Daniela De Lorentiis, Alessandro Isoni.

Il seminario è rivolto a tutti gli studenti dei corsi di laurea triennali in Lettere e in Filosofia e del corso di laurea in Scienze politiche e delle relazioni internazionali.





Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 14 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa