Passa ai contenuti principali

Puglia e Grande guerra. 

Il 22 novembre alle 9, nell’aula 3 - B2/B3 di Studium 2000, edificio 6, a Lecce (via di Valesio) nell’ambito degli insegnamenti di
Storia contemporanea dei docenti dell’Università del Salento Anna Lucia Denitto e Carmelo Pasimeni, si terrà la presentazione del volume “Puglia e Grande guerra. Tra dimensione adriatica e fronte interno: fonti e ricerche”, a cura di Francesco Altamura edito da Besa (2017).
Il volume collettaneo è frutto di ricerche svolte nell’ambito del progetto “Puglia 14-18”, selezionato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri per le iniziative sul centenario del primo conflitto bellico mondiale. Obiettivo del progetto è ricostruire il ruolo della Puglia nella guerra e le trasformazioni da cui fu investita, affiancando alla ricerca una proposta culturale articolata in giornate di studio, incontri seminariali rivolti agli universitari, momenti di formazione destinati al personale docente e didattica laboratoriale indirizzata agli studenti delle scuole secondarie.
Principale promotore del progetto è la Fondazione Gramsci di Puglia, con la collaborazione, tra gli altri, del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento e del Dipartimento di Filosofia, Letteratura, Storia e Scienze Sociali dell’Università degli studi di Bari.

I lavori saranno introdotti da Anna Lucia Denitto e Luigi Masella ordinario di Storia contemporanea all’Università degli studi di Bari, seguirà la presentazione del volume a cura di Maria Marcella Rizzo ordinario di Storia contemporanea all’Università del Salento. È previsto inoltre l’intervento degli autori dei saggi: Francesco Altamura, Daria De Donno, Daniela De Lorentiis, Alessandro Isoni.

Il seminario è rivolto a tutti gli studenti dei corsi di laurea triennali in Lettere e in Filosofia e del corso di laurea in Scienze politiche e delle relazioni internazionali.





Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata