Passa ai contenuti principali

Proposta di Legge regionale sull’eVoting

Venerdì 10 novembre 2017 nella Sala delle conferenze stampa della Provincia di Lecce verrà presentata la proposta di Legge regionale pugliese dal titolo "Il voto elettronico nel referendum consultivo e abrogativo". L’elaborazione della proposta è frutto delle attività di ricerca condotte negli ultimi anni dalla cattedra di Informatica giuridica del prof. Marco Mancarella e dal Mediterranean Observatory on Digital Culture and Tourism (MODiCT) dell’Università del Salento.

Alla presentazione parteciperanno i consiglieri regionali primi firmatari Sergio Blasi (PD) e Andrea Caroppo (Salvini) e i consulenti legislativi: Marco Mancarella, docente di Informatica giuridica (Università del Salento), Sara Sergio, docente di Diritto delle autonomie locali (Unitelma-Sapienza Roma) e Luigino Sergio, esperto di direzione e governo degli enti locali.
Obiettivo della proposta di Legge regionale è quello di introdurre il voto elettronico (eVoting) per i referendum consultivi e abrogativi di cui alla Legge regionale n. 27 del 1973, ivi compresi quelli necessari per procedere alla fusione di Comuni.

La proposta si inserisce nel solco degli interventi legislativi regionali volti ad innovare i processi di voto avviati prima nelle Regioni a Statuto speciale e poi in quelle ordinarie (si veda la Regione Lombardia (LR n. 3 del 2015), che in data 22 ottobre ha realizzato un referendum consultivo, con ottimi risultati in termini di resa del sistema elettronico di voto). Un processo, quello in atto nelle Regioni, che si spera sia foriero di un intervento legislativo a livello centrale, in grado di allineare l’Italia ai numerosi Paesi al mondo già attivi nel settore eVoting.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 25 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa