Passa ai contenuti principali

Le danze dei suoni. Musica, scienza e tecnologia

Bari, 22 novembre 2017 - Ascoltare la musica è un atto che compiamo nei luoghi più disparati attraverso molteplici canali di fruizione di cui disponiamo. Nelle esecuzioni dal vivo l’avvento dei contenitori polifunzionali e la necessità di rendere polifunzionali spazi che, in origine, non lo erano affatto ha profondamente snaturato o reso sempre più difficile cogliere il complesso legame esistente fra la
musica e lo spazio fisico. 
Ricco è il rapporto che da sempre lega l’architettura alla musica. Lo spazio fisico, definito dalla forma architettonica, e la composizione musicale si sono mutuamente influenzate nel corso del tempo.
Le moderne tecnologie di riproduzione sonora multi-canale possono oggi consentirci di riprodurre, pur rimanendo nello stesso anonimo “contenitore polifunzionale”, ambientazioni acustiche molto diverse, modificando attivamente il suono fino a riprodurre condizioni di ascolto più simili a quelle degli spazi per cui le opere vennero in origine composte.
Le relazioni fra musica, architettura, acustica e tecnologia e gli approfondimenti sulle problematiche fisico-acustiche legate ai luoghi dove vengono realizzate esecuzioni corali saranno oggetto della giornata-studio, “Le danze dei suoni, dialoghi tra musica, scienza e tecnologia”.
L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Regionale Cori di Puglia (ARCoPu), assieme a: Politecnico di Bari, Università degli Studi "A. Moro" di Bari e Conservatorio "Niccolò Piccinni" di Bari, è in programma sabato, 25 novembre 2017, dalle ore 9,30 alle ore 13,30 presso l'aula magna "Attilio Alto" (campus universitario) del Politecnico.
L’incontro vedrà la partecipazione del prof. Nicola Cufaro Petroni, fisico teorico e professore di Calcolo delle Probabilità e Statistica del Dipartimento di Matematica dell’Università di Bari, che interverrà sul tema “Acustica Musicale”. Il Prof. Francesco Martellotta, professore di Fisica Tecnica Ambientale del Politecnico di Bari e il Prof. Francesco Scagliola, compositore e professore di Composizione Elettroacustica presso il Conservatorio “N. Piccinni” dialogheranno su “Musica & Architettura”. Al Prof. Cataldo Guaragnella, professore di Elaborazione Numerica dei Segnali per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni presso il Politecnico di Bari e al Prof. Cristoforo Marzocca, professore di Elettronica Applicata per il Corso di Laurea di Ingegneria Elettrica presso il Politecnico di Bari sarà affidato un Dialogo sugli ambienti virtuali per la riproduzione musicale.  Moderatore il M° Filippo Maria Caramazza, Professore di Composizione e di Direzione d’orchestra presso il Conservatorio “G.P.Palestrina” di Cagliari.
Interverranno inoltre: dott. Pierfranco Semeraro, Presidente di ARCoPu; prof. ing. Eugenio Di Sciascio, Rettore del Politecnico di Bari; prof. Antonio Felice Uricchio, Rettore dell’Università degli Studi” “Aldo Moro” di Bari; M° Gianpaolo Schiavo, Direttore del Conservatorio “N. Piccinni” di Bari; dott. Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia e l’ing. Giuseppe Galasso, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari.
II convegno vanta il patrocinio dell’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, del Comune di Bari e di Feniarco e il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 14 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa