Passa ai contenuti principali

IMPIANTO TRATTAMENTO RIFIUTI DI GALATONE: DICHIARAZIONE DELLA VICEPRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI LECCE PAOLA MITA

“Purtroppo, ancora una volta, si tenta di scaricare sugli uffici della Provincia la responsabilità dell’iter amministrativo su procedure che riguardano l’ambito ambientale e che, soprattutto, sono previste da norme di legge nazionali e regionali, senza possibilità di attività di tipo discrezionale da parte dell’Ente provinciale”.Ufficio Stampa Provincia di Lecce


“Fuorviante è la definizione di discarica, perché non si tratta di discarica, ma di un impianto di trattamento di rifiuti urbani e speciali. Fuorviante è la definizione di nuova, perché si tratta del trasferimento dell’impianto già presente nella zona industriale di Galatone, in un sito differente distante qualche centinaio di metri dall’attuale, per l’esattezza dal lotto numero 202/b al lotto numero 208”.

“Fuorvianti, ancora, sono le accuse agli uffici e ai tecnici della Provincia di aver in maniera ultra rapida concluso l’iter, che è partito nel mese di marzo e che ha acquisito tutti i pareri favorevoli degli enti coinvolti”.

“Fuorviante, in conclusione, è l’improvvisa comparsa della notizia, quando la determinazione, adottata dall’ingegnere responsabile del procedimento in data 21 settembre, è la stessa trasmessa via pec al sindaco di Galatone e mai osservata o impugnata”.

Lecce, 17 novembre 2017




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata