Passa ai contenuti principali

Galatina Giampiero De Pascalis Collemeto riceve un'altro schiaffo

Collemeto riceve un altro schiaffo. Riceverà un “obolo” a fronte di un progetto di circa due milioni di euro che doveva, nelle intenzioni dell’amministrazione Montagna,
riqualificare le aree urbane di Collemeto e abbattere le barriere architettoniche. Il Comune di Galatina si è classificato al 167° posto, ma i progetti finanziati sono solo 46. La presidenza del Consiglio dei ministri, sabato scorso, ha fatto pubblicare in Gazzetta Ufficiale la delibera di una ulteriore dotazione di fondi per dare un contentino anche a chi non si è collocato in posizione utile. Per Galatina si tratta di 261.295.276 euro, a fronte di un progetto di 1.966.775,17 euro che doveva, com’è riportato nella delibera della giunta comunale numero 408 del 2015, provvedere: alla rifunzionalizzazione, riqualificazione urbana e abbattimento delle barriere architettoniche del parco che si trova tra via Sassari e via Fiume,  degli uffici della delegazione comunale di via Sassari, del piazzale tra via Rimini e via La Spezia, dell’area adiacente l’istituto comprensivo Polo I, oltre alla rete viaria dei siti interessati.
Il primo Comune in graduatoria ha avuto un punteggio pari a 75,50 mentre Galatina 35,97. Un divario che fa comprendere quanto debole fosse la proposta progettuale e come – spesso – l’amministrazione di turno utilizzi la partecipazione ai bandi giusto per  guadagnarsi qualche titolo, ma senza una visione programmatica tale da rendere chance concrete alla partecipazione ai bandi. Se in più aggiungiamo che l’amministrazione Montagna aveva addirittura voluto in organico un esperta per intercettare fondi, mi pare che questa bocciatura sia anche più bruciante.

Giampiero De Pascalis
Consigliere di opposizione del Comune di Galatina

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Ottobre 2018

Video Integrale
Caricamento

Galatina Tellas dipinge i muri del ristorante INCOHO

Tellas (Cagliari, 1985) vive e lavora a Roma. L’artista riceve una laurea in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna dove è venuto in contatto con Urban Art. Nel 2014 è stato indicato come uno dei 25 artisti di